Estensione del blocco del Portogallo

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 20-11-2020 01:00:00 · 0 Commmenti
Estensione del blocco del Portogallo

Misure più restrittive, tra cui l'imposizione di un coprifuoco, sotto lo stato di emergenza dovuto a Covid-19, sono state ora applicate ad altri 77 Comuni, portando a 191 il numero totale dei Comuni ad alto rischio di trasmissione.

Coprendo 121 Comuni all'inizio di novembre, la lista dei territori ad alto rischio di trasmissione di Covid-19 è stata aggiornata il 12 novembre dal Consiglio dei Ministri, con il Primo Ministro, António Costa, che ha annunciato il ritiro di sette comuni il giorno successivo e l'inclusione di 77 comuni a partire dalla mezzanotte del 16 novembre.

Con questo aggiornamento, un totale di 191 comuni sono ora coperti dalle misure dello stato di emergenza, che è in vigore fino al 23 novembre, compreso il divieto di circolazione sulle strade pubbliche durante la settimana, tra le 23 e le 5 del mattino e durante il fine settimana tra le 13 e le 5. Tra i 18 comuni del distretto della capitale del Portogallo continentale, Leiria è l'unico che rimane fuori dalla lista. I comuni che continuano ad essere ad alto rischio sono Viana do Castelo, Braga, Vila Real, Bragança, Porto, Guarda, Aveiro, Castelo Branco, Santarém, Lisbona, Setúbal e Beja e comprendono Viseu, Coimbra, Portalegre, Évora e Faro.

Rivalutato ogni 15 giorni dal Governo, l'elenco è definito secondo il criterio generale del Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (ECDC) di "più di 240 casi per 100.000 abitanti negli ultimi 14 giorni", e considerando la vicinanza ad un altro comune in questa situazione e l'eccezione per i focolai localizzati in comuni a bassa densità. Il gruppo di territori coperti, che continua a comprendere tutti i comuni delle aree metropolitane di Lisbona e Porto, è consultabile sul sito https://covid19estamoson.gov.pt/novas-medidas-para-concelhos-de-risco-elevado/. I sette comuni che non sono più inclusi sono Moimenta da Beira, Tabuaço, São João da Pesqueira, Mesão Frio, Pinhel, Tondela e Batalha.

Per quanto riguarda le misure applicate ai territori più a rischio, il Governo ha deciso di "mettere fine alle idee sbagliate", stabilendo che, durante il fine settimana, l'apertura degli scambi commerciali sarà dalle 8 del mattino e la chiusura alle 13, ad eccezione di farmacie, cliniche e uffici, punti di ristoro fino a 200 metri quadrati con la porta sulla strada e stazioni di servizio, tra gli altri casi. Con il permesso del sindaco del Comune e con il consenso dell'Asl e delle forze dell'ordine, "gli esercizi con orario di apertura anteriore alle 8 possono continuare a praticare i consueti orari di apertura, si legge nella risoluzione del Consiglio dei Ministri.

"Nel caso di stabilimenti autorizzati ad operare 24 ore su 24, sono autorizzati a riaprire dalle 8 del mattino", ha determinato il Governo, rilevando che la sospensione delle attività negli stabilimenti commerciali nei comuni ad alto rischio "è uno standard speciale e prevale sulle altre disposizioni di questa norma che deve fare il contrario". Durante il fine settimana, a partire dalle 13, i ristoranti di questi comuni possono lavorare solo per la consegna a domicilio, ha detto António Costa, annunciando un sostegno del 20 per cento della perdita di entrate dei ristoranti nei fine settimana in cui devono chiudere rispetto alla media dei 44 fine settimana precedenti (da gennaio a ottobre 2020).

Inoltre, oltre al coprifuoco, i comuni ad alto rischio di trasmissione di Covid-19 hanno in vigore il dovere di rimanere a casa, il telelavoro obbligatorio, la chiusura dei negozi alle 22.00 e dei ristoranti alle 22.30, e il divieto di eventi e festeggiamenti con più di cinque persone, a meno che non appartengano alla stessa famiglia. Queste misure speciali sono in vigore nell'ambito della dichiarazione dello stato di calamità in tutto il territorio nazionale continentale, che è stata prorogata fino alle 23:59 del 23 novembre, secondo la risoluzione del Consiglio dei Ministri n. 96-B/2020, pubblicata su Diário da República.

Secondo il decreto che disciplina l'applicazione dello stato di emergenza, in vigore dal 9 novembre e fino al 23 novembre, applicabile su tutto il territorio nazionale, nei comuni più a rischio individuati nello stato di calamità si applica il divieto di circolazione sulla pubblica via, provvedimento che prevede una serie di 13 eccezioni di circolazione autorizzate. Tra le eccezioni rientrano l'esercizio di funzioni professionali come quelle di operatori sanitari e agenti di protezione civile, l'ottenimento di assistenza sanitaria, la frequentazione di punti di ristoro e di igiene, l'assistenza alle persone vulnerabili, l'esercizio della libertà di stampa e le brevi passeggiate.



Articoli Correlati


Comments:

Be the first to comment on this article
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.