Perché il giardinaggio è ottimo per il corpo e la mente

scritto PA/TPN, in Stile di vita · 20-11-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

La vita del progettista di giardini Mark Lane ha cambiato rotta 15 anni fa, quando un incidente d'auto lo ha costretto a usare una sedia a rotelle.

Ha dovuto fare i conti con la sua disabilità, affrontare la depressione grave e superare il dolore e la stanchezza cronica. Lane aveva già avuto ruoli di rilievo nell'editoria, ma ha deciso di cambiare carriera - e la sua passione per le piante e l'aria aperta lo ha portato a studiare progettazione di giardini e paesaggi, con sede a casa.

Oggi, gestisce il proprio studio di progettazione di giardini e paesaggi, ha una fiorente carriera come presentatore televisivo di giardinaggio, è ambasciatore di varie associazioni di beneficenza per disabili con un'inclinazione per il giardinaggio, e ora sostiene la Settimana dei giardini e della salute.

"Come designer di giardini, e come persona che usa sempre una sedia a rotelle, so di prima mano come il giardinaggio abbia migliorato la mia salute fisica e il mio benessere mentale", dice Lane, "Sono una forte sostenitrice dell'importanza che il giardinaggio gioca sulla nostra vita e sul nostro benessere quotidiano".

Quindi, come può più di noi sintonizzarsi sui benefici dell'orticoltura? Lane rivela alcuni dei benefici del benessere del giardinaggio, insieme ad alcuni consigli per iniziare, per chi vive con disabilità o malattie...

Benefici per la mente e il corpo

E' ottimo per la consapevolezza.

"Quando siamo in un giardino o in un giardinaggio, siamo incoraggiati a vivere il momento, ad essere più attenti a noi stessi e a ciò che ci circonda. La nostra respirazione rallenta (a meno che non stiamo scavando), le spalle si abbassano e in poco tempo l'attività di giardinaggio è stata usata come antistress e antistress", dice Lane.

Il giardinaggio aiuta a mantenersi in forma

"Il giardinaggio è un ottimo modo per mantenersi in forma, usando i muscoli delle mani, delle braccia, della schiena, della pancia e delle gambe, senza nemmeno sapere che lo stiamo facendo - meglio che andare in palestra, secondo me", aggiunge Lane.

E mantiene sano anche il cervello

"Dal primo momento in cui pensiamo a cosa fare in giardino, che sia passivo (sedersi e divertirsi) o attivo (giardinaggio fisico), stiamo migliorando la nostra salute cerebrale. Ho notato come il mio richiamo cognitivo è migliorato dal giardinaggio e dal fare giardinaggio", dice Lane.

I neuroni nel cervello sono scintillanti, qualunque cosa si stia facendo in giardino, sia che si scelgano i semi, che si pianifichi il confine o che si pianti attivamente. Rilassate la mente creando un'area per sedersi, preferibilmente all'ombra, ascoltando il canto degli uccelli.

Potete coltivare il vostro giardino di erbe curative

La menta piperita è ottima per aiutare il gonfiore e l'indigestione, il tarassaco è ricco di vitamine e minerali e aiuta a purificare il fegato, mentre il rosmarino o la salvia contengono flavonoidi che aiutano a prevenire il cancro e riducono il rischio di infarti e ictus", dice.

Anche il contatto con il terreno potrebbe essere un richiamo per la salute

"C'è un batterio innocuo, il Mycobacterium vaccae, normalmente presente nello sporco, che stimola il sistema immunitario ed è stato trovato anche per aumentare la produzione di serotonina, la sostanza chimica del cervello," dice Lane, "bassi livelli di serotonina sono associati alla depressione, quindi il contatto fisico con il terreno può aiutare ad elevare il nostro umore".

Top consigli per i giardinieri con disabilità

Utilizzare gli strumenti e il kit giusti per il lavoro.

L'utilizzo degli strumenti giusti per il lavoro renderà il giardinaggio più maneggevole e confortevole, sottolinea Lane. Le pinze possono essere usate per tenere le piante. Gli attrezzi a manico lungo chiamati 'reacher grabber grabber', con un artiglio ad un'estremità, sono perfetti per raccogliere le cose, e raggiungere le piante che hanno bisogno di una testa morta o di una potatura.

Provare gli attrezzi a manico lungo nel negozio prima di acquistare, suggerisce. Sono ideali per chi non si piega facilmente, o per chi è su una sedia a rotelle. Potresti voler sguazzare su utensili con teste intercambiabili per risparmiare tempo e spazio.

Inoltre, scegliete utensili leggeri se potete - ci sono alcuni buoni utensili in alluminio sul mercato, ma sappiate che alcuni meno pesanti possono non durare a lungo come altri. E considerate le impugnature: Alcuni sono più ergonomici di altri, con maniglie sagomate che sono più comode da usare.

I tavoli portatili di diverse altezze sono perfetti per aiutare gli utilizzatori di sedie a rotelle e altri con disabilità fisiche a piantare e seminare. Attenzione ai tavoli da campeggio regolabili con superfici antiscivolo, che si possono piegare e riporre in seguito. Investite in una paletta per estrarre il compost e la ghiaia dalle borse e comprate sacchetti di compost più piccoli per facilitarne la manipolazione.

Se non avete letti rialzati che siano dell'altezza giusta per piantare, prendete in considerazione la possibilità di piantare in vaso, usando i tavoli intorno a voi per appoggiare il vaso mentre lo fate. E tenete le siepi a un'altezza che vi permetta di tagliarle facilmente.

Mantenete un ampio percorso

"Per gli utenti su sedia a rotelle, la larghezza migliore per un percorso domestico è di 120 cm. Questo permette di avere spazio su entrambi i lati per controllare la sedia. Per persone più ambulanti, una larghezza da 120 cm a 140 cm è l'ideale", aggiunge Lane.

"Significa anche che per le persone con, per esempio, l'artrite cronica, che possono aver bisogno del sostegno del braccio di qualcuno; questo può essere ottenuto perché il percorso è abbastanza largo perché due persone possano camminare fianco a fianco. Ed evitare la ghiaia, che sembra instabile sotto i piedi".



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.