Luce alla fine del tunnel

scritto Daisy Sampson, in Notizia · 27-11-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Un nuovo periodo di quarantena ridotto per i viaggiatori internazionali che entrano in Inghilterra viene salutato come "luce alla fine del tunnel" dall'industria dei viaggi, poiché il periodo di autoisolamento è ridotto da 14 a cinque giorni.

Secondo il nuovo sistema, che entrerà in vigore il 15 dicembre, le persone che arrivano da paesi che non sono esenti da quarantena devono comunque iniziare l'isolamento profilattico, ma dopo cinque giorni possono eseguire un test Covid-19 e se questo è negativo saranno rilasciate dalla quarantena.

Il Segretario di Stato del Regno Unito per i Trasporti Grant Shapps ha affermato che lo scopo della nuova misura è quello di facilitare e promuovere i viaggi internazionali e di aiutare l'industria dei trasporti e del turismo, particolarmente colpita dalle restrizioni di movimento legate alla pandemia di Covid-19.

In una dichiarazione Schapps ha dichiarato: "Abbiamo un piano in atto per garantire che il nostro percorso per uscire da questa pandemia sia attento ed equilibrato. Permettendoci di concentrarci su ciò che possiamo fare per sostenere i viaggi internazionali ora, mantenendo la sicurezza della popolazione. Ed è per questo che dal 15 dicembre le persone che arriveranno in Inghilterra potranno ridurre i loro 14 giorni di autoisolamento a soli 5 giorni, ottenendo un test Covid-19 da un fornitore privato.

"Questa riduzione dell'autoisolamento, fino a due terzi, aiuterà a dare alle persone la fiducia necessaria per prenotare viaggi internazionali, sapendo che si può tornare in Inghilterra e autoisolarsi per un periodo di tempo più breve una volta che si ha quel test negativo.

"La nostra nuova strategia di test ci permetterà di viaggiare più liberamente, di vedere di nuovo i propri cari e di guidare gli affari internazionali. Dando alle persone la scelta di effettuare il test il quinto giorno, stiamo anche sostenendo l'industria dei viaggi, che continua a ricostruirsi da questa pandemia".

Il costo di un test, che sarà effettuato all'interno del sistema sanitario privato, può costare, in media, tra le 65 e le 120 sterline (73 e 135 euro) e il risultato richiede dalle 24 alle 48 ore.

Per il momento questa misura si applica solo all'Inghilterra, poiché la Scozia, il Galles e l'Irlanda del Nord hanno autonomia sulle questioni sanitarie.

L'organizzazione che rappresenta le compagnie aeree britanniche, Airlines UK, ha definito la misura "un passo estremamente gradito" e l'ha descritta come "una luce alla fine del tunnel".

Tuttavia, continua a sostenere un sistema in cui i test vengono effettuati dai passeggeri prima della partenza per evitare qualsiasi tipo di quarantena all'arrivo perché "è l'unico modo per riaprire il mercato in modo completo", ha detto il CEO di Airlines UK, Tim Alderslade.

"Questo è un passo estremamente gradito che darà inizio al processo di apertura dei viaggi internazionali e di riavvio dell'aviazione britannica". È un buon inizio e più che dimezzando il periodo di quarantena dovremmo vedere la domanda tornare provvisoriamente e più rotte e destinazioni diventano nuovamente praticabili.

"Detto questo, un test al quinto giorno non elimina la quarantena ed è per questo che non vediamo l'ora di lavorare con il governo per procedere verso un regime di test pre-partenza o nazionale che possa eliminare in modo sicuro la necessità di auto-isolamento il più rapidamente possibile. Questo è l'unico modo per riaprire completamente il mercato. Ma, con questo annuncio c'è ora la luce alla fine del tunnel non solo per i vettori e l'aviazione britannica, ma anche per i consumatori che cercano di scappare a Natale e oltre", ha detto Tim Alderslade.

Nel frattempo, la 76esima Assemblea Generale Annuale dell'Associazione Internazionale del Trasporto Aereo (IATA) ha deciso all'unanimità di invitare urgentemente i governi a riaprire le frontiere per viaggiare.

La IATA propone una sperimentazione sistematica dei viaggiatori internazionali che permetterebbe di eliminare le restrizioni alle frontiere e fornirebbe un'alternativa alle attuali regole di quarantena.

"Le persone vogliono e hanno bisogno di mobilità globale. Le misure di decollo dell'Organizzazione Internazionale dell'Aviazione Civile (ICAO) rendono il volo sicuro. Ma le chiusure delle frontiere, le restrizioni di movimento e le misure di quarantena rendono il viaggio impossibile per la maggior parte dei viaggiatori. Dobbiamo gestire il modo in cui conviviamo con il virus. Ma questo non deve significare distruggere l'aviazione, rischiare milioni di posti di lavoro, paralizzare le economie e distruggere il tessuto sociale internazionale. Oggi potremmo aprire le frontiere in sicurezza con i test sistematici di Covid-19", ha detto Alexandre de Juniac, Direttore Generale e CEO di IATA.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.