Wonder Water Woman

scritto Kim Schiffmann, in Navigare · 27-11-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Questa settimana voglio che vi presentiate una delle mie surfiste preferite di tutti i tempi, e anche se alcune di voi potrebbero già conoscerla, ho pensato che sarebbe bello dare a tutti la possibilità di scoprire di più su questa Wonder Woman della vita reale.

Mentre i nomi dei surfisti professionisti non sono così conosciuti come, ad esempio, quelli dei calciatori o dei giocatori di basket, il nome Bethany Hamilton può suonare un campanello d'allarme.

L'atleta hawaiana nata alle Hawaii ha iniziato a fare surf all'umile età di otto anni e solo un anno dopo, quando Bethany aveva nove anni, ha ottenuto la sua prima sponsorizzazione, facendola passare alla ribalta come promettente giovane talento nel mondo del surf.

All'inizio, però, è diventata famosa non per il suo talento o per la sua abilità (che aveva una tonnellata), ma per la sua storia. Nell'ottobre del 2003, ad Halloween per l'esattezza, Hamilton, all'epoca tredicenne, andò a fare surf mattutino su una spiaggia dell'isola di Kauai, nell'arcipelago delle Hawaii, quando uno squalo tigre di 4,3 metri le staccò a morsi gran parte del braccio sinistro e una buona parte della sua tavola da surf. Per fortuna, la sua migliore amica dell'epoca, Alana Blanchard, e il padre di Alana erano con lei in acqua e hanno aiutato la giovane ragazza, scioccata e gravemente ferita, a sguazzare fuori dall'acqua e poi hanno fatto del loro meglio per fermare l'emorragia fino al loro arrivo in ospedale.

Quando Bethany è arrivata in ospedale, aveva già perso due terzi del suo sangue. Ha trascorso circa una settimana in convalescenza prima di essere dimessa.

La carriera della stella nascente del surf sembrava aver preso una brutta piega, ma invece di finire la sua storia di atleta fallita e vittima di un attacco di squali eccezionalmente sfortunato, non si è fermata lì, e ora la sua storia è una storia di speranza, determinazione e coraggio.

26 giorni dopo l'attacco, Bethany è tornata in acqua, facendo ciò che ama e adattandosi alle nuove circostanze. E anche con successo. Nel giro di due anni ha ottenuto il suo primo titolo nazionale. Ora è una delle surfiste più rispettate al mondo, ed è stata addirittura la prima donna a competere nella Rip Curl Cup di Padang Padang, in Indonesia, e nel 2016 ha battuto un sei volte campione del mondo di surf in un evento WSL (World Surf League). Nel 2017 è stata finalmente inclusa nella Surfer's Hall of Fame.

Oggi Bethany Hamilton è molto più di una semplice surfista di classe mondiale. È un'autrice di bestseller della sua autobiografia, una relatrice motivazionale e ha una sua fondazione, Friends of Bethany. Organizza diversi ritiri più volte all'anno per giovani donne e uomini che hanno anche subito una perdita traumatica degli arti, insegna loro a surfare e dà loro un allenamento posturale che mostra loro come mantenere la colonna vertebrale allineata, mentre il loro corpo compensa la perdita di un braccio o di una gamba.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.