Settore matrimoni "rotto"

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 28-11-2020 16:00:00 · 0 Commmenti

Il settore dei matrimoni è "assolutamente paralizzato", avverte una donna d'affari del settore in una lettera inviata al Primo Ministro, dove chiede misure specifiche, come un sostegno salariale.

Cristina Campos, che dichiara di esporre le "enormi difficoltà" di un intero settore "non protetto e dimenticato" dal Governo, sottolinea che i professionisti del settore sono "altamente specializzati e con anni di esperienza".

"Per garantire l'indispensabile permanenza di questi professionisti altamente specializzati e con molti anni di esperienza, abbiamo bisogno di un sussidio salariale per tutti coloro che si trovano nell'area dei laboratori di cucito per il periodo della pandemia", ha chiesto.

L'imprenditrice ricorda che questi dipendenti sono "assolutamente paralizzati" dal 16 marzo, data del primo coprifuoco in Portogallo. E con la seconda ondata, non ci sono progetti di matrimonio prima dell'estate del 2021, ha aggiunto.

"Senza un sostegno, saremo costretti a licenziare i dipendenti e a chiudere l'attività", lamenta.

Sottolineando che in Portogallo questo settore rappresenta in media 800 milioni di euro all'anno e rendendosi conto che nulla e nessuno era preparato a questa pandemia, Cristina Campos chiede "più attenzione" per un settore "fortemente penalizzato e disperato".

Entro la fine dell'anno, oltre l'80% dei matrimoni in programma saranno cancellati, oltre a tutte le comunioni cancellate, ha detto.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.