Modifiche all'IVA sull'elettricità.

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 30-11-2020 15:00:00 · 0 Commmenti

A partire dal 1° dicembre, le modifiche all'IVA sull'elettricità avranno effetto su 5,3 milioni di consumatori, riducendo l'imposta che pagano, secondo ERSE.

Secondo l'Autorità di regolamentazione dei servizi energetici (ERSE), "i clienti con potenza fino a 3,45 kVA possono beneficiare dell'aliquota IVA ridotta [6%]", e "l'aliquota IVA ridotta è applicabile solo a una parte dell'importo totale della fattura, vale a dire la durata fissa (potenza) delle tariffe di accesso alla rete".

Questo valore si applica anche al contributo audiovisivo.

Inoltre, "i clienti con potenza contrattuale fino a 6,9 kVA possono beneficiare dell'aliquota IVA intermedia [13%], nella parte di consumo che non supera i 100 kWh [kilowattora]. Nel caso di una famiglia numerosa (cinque o più elementi), l'aliquota IVA intermedia è applicabile per la parte di consumo che non supera i 150 kWh. In entrambe le situazioni, è da considerare un periodo di consumo di 30 giorni", ha spiegato ERSE.

Per le famiglie numerose la tassa è applicabile dal 1° marzo 2021.

Secondo l'Agenzia di stampa di Lusa, la normale aliquota IVA (23 per cento), a sua volta, si applica "al consumo di energia elettrica che supera i 100 kWh (o 150 kWh, a partire dal 1° marzo 2021, nel caso di famiglie con cinque o più elementi)" il "valore residuo della potenza contrattuale", le forniture ai clienti con potenza contrattuale maggiore o uguale a 10,35 kVA e le imposte e tasse sull'elettricità, cioè la Tassa speciale di consumo (CEI) e l'aliquota DGEG", ha indicato ERSE.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.