Sospetti di un macabro omicidio per andare sotto processo.

in Notizia · 03-12-2020 09:00:00 · 0 Commmenti

Il 2 dicembre il tribunale di Portimão ha deciso di portare le due donne sospettate di aver ucciso e squartato un uomo a marzo in Algarve.

Gli imputati, un'infermiera e una guardia giurata, sono accusati dalla Procura della Repubblica (MP) della morte di un uomo nel marzo scorso, con l'obiettivo di sequestrare il denaro che aveva ricevuto come risarcimento per la morte della madre.

L'avvocato difensore dell'infermiera ha chiesto l'apertura del caso, considerando che non aveva partecipato a tutte le fasi del reato, e la decisione è stata resa nota il 2 dicembre nel tribunale di Portimão.

Il giudice istruttore ha deciso di portare il caso in giudizio "così com'era, considerando che la prima dichiarazione dell'imputata era più coerente", ha detto l'avvocato a Lusa.

Le due donne sono accusate dalla Procura della Repubblica (MP) dei reati di omicidio aggravato, profanazione di un cadavere, due reati di accesso illegittimo, un reato di frode informatica, semplice furto e uso di un veicolo.

Si dice che le donne abbiano attirato il giovane a casa di una di loro, dove lo hanno tenuto rapito per due o tre giorni per estorcergli del denaro, poiché aveva ricevuto 70.000 euro come risarcimento per la morte della madre, investita nella zona di Albufeira nel 2016.

Secondo la deputata, gli imputati, Mariana Fonseca, 24 anni, infermiera, e Maria Malveiro, 21 anni, guardia giurata, "saranno andati a casa della vittima, un ingegnere informatico, che si trova nella zona di Silves, dove gli avranno dato mascheratamente dei farmaci per addormentarlo e lo avranno strangolato fino ad ucciderlo".

Dopo aver rimosso diversi oggetti di valore dalla casa del giovane, tra cui il suo cellulare, lo hanno portato "nella sua auto a casa dell'imputato, situata nella zona di Lagos".

Il 21 marzo gli indiziati avranno tagliato e smembrato "il cadavere della vittima", tenendolo "in diversi sacchi della spazzatura", che nei giorni successivi "hanno gettato su una scogliera a Sagres e si sono nascosti nella vegetazione a Tavira".

Il deputato ha indicato che, in quei giorni, gli imputati avevano effettuato prelievi e pagamenti con la carta di debito e il cellulare della vittima.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.