La confusione del coprifuoco danneggia il settore alimentare

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 04-12-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Con il calo del settore turistico, le restrizioni alla libertà, la confusione sull'applicabilità delle regole nei rispettivi consigli, i piccoli commercianti dell'Algarve lamentano la mancanza di comunicazione e le perdite che subiscono.

In un momento di incertezza per coloro le cui imprese sopravvivono grazie al settore turistico, i ristoranti, i venditori ambulanti e molti altri, si trovano ora di fronte a una drastica diminuzione del turismo, accompagnata da misure governative che limitano la libertà di movimento potenzialmente disastrose per l'economia. Il Portugal News ha parlato della situazione attuale a vari commercianti dell'Algarve.
Ad Alvor, troviamo Bella de Rose, proprietaria del ristorante italiano Ciao Baby, che ci racconta un po' di quello che sta affrontando la sua attività: "Non vale quasi la pena di aprire le porte. Alvor è stato abbandonato, non vediamo nessuno che cammina per strada", ha detto.
Per Bella, se le restrizioni di circolazione sono cattive, il fallimento della comunicazione è peggiore. "Per noi (in Algarve) il divieto era legato alla circolazione tra i comuni, non era la restrizione del coprifuoco dopo le 13, ma la gente non viene nelle strade di Alvor perché pensa che quelle restrizioni, anche in Algarve, siano applicate", ha detto.
Pedro Azevedo, uno dei proprietari del ristorante O Quinto Império a Portimão, condivide la stessa opinione. Nelle sue parole "Devo essere d'accordo con i provvedimenti del governo a causa di quanto sta accadendo nel Paese". Tuttavia, egli critica il modo in cui viene data la comunicazione: "Non c'è un discorso coerente su questo argomento, che provoca una totale confusione nella popolazione che ha diversi impatti nel settore". Per esempio, "Abbiamo avuto perdite di fatturazione del 20% tra ottobre e novembre", ha detto.

Dopo tutto, potremmo circolare dopo le 13:00 nei fine settimana, in Algarve? La risposta è sì, nella maggior parte dei comuni dell'Algarve. Secondo il DL 9/2020 del 21 novembre, l'applicazione della libertà limitata vieta la circolazione tra le 23:00 e le 5:00 e dopo le 13:00 durante il fine settimana, applicando solo alle contee incluse nell'elenco delle contee ad altissimo rischio o a rischio estremo e, soprattutto, escludendo quelle che sono incluse nelle contee ad alto rischio o a livello di rischio moderato.
D'altra parte, è nel comune di Lagoa che Antónia Cobrinha, proprietaria del ristorante A Vela a Carvoeiro, ha commentato: "Non possiamo spostarci tra i comuni, ma la gente lo fa comunque perché non ci sono forze di sicurezza sulla strada per verificare la conformità".
Inoltre afferma che è "ridicolo" che le restrizioni vietino la circolazione dopo le 13.00. "Abbiamo già fatto tutto, abbiamo ridotto il numero di tavoli per garantire la distanza, disinfettiamo i menu dopo ogni utilizzo e creiamo un codice QR" così i clienti possono vedere il menu senza toccarlo, ha detto il proprietario il cui ristorante è ora chiuso per l'inverno.
Molti esercizi hanno deciso di non aprire quest'inverno. Questo è anche il caso di Tiago Laginha, proprietario di Ò Carcaça Street food and bar che ha anche risentito della pandemia e della mancanza di turisti rispetto all'anno scorso. Ò Carcaça Street food e Bar è un camioncino alimentare che vende cibi e bevande di solito a Praia do Carvalho, comune di Lagoa.
"Nel mio caso, i food truck devono seguire la stessa legislazione dei ristoranti, perché a tutti gli effetti, sono registrato all'Autoridade Tributária (Autorità Fiscale) come ristorante. Sono considerato un ristorante non sedentario, cioè posso vendere take-away in luoghi dove ho la licenza di vendita, ma non posso avere persone che mangiano davanti al camioncino del cibo", ha spiegato Tiago. Secondo lui, questo non è corretto perché ogni tipo di impresa dovrebbe avere una sua legge: "Non dovrebbe essere la stessa", ha detto.
Con questo, c'è solo una certezza, la situazione dell'industria alimentare appare tetra e il settore è costretto a reinventarsi per trovare soluzioni finanziarie, salvaguardando sempre la salute. L'unica speranza per molte imprese è l'introduzione di un vaccino che potrebbe essere la luce alla fine del tunnel per loro.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.