Consulenza gratuita

scritto Neil Connolly, in Sport · 04-12-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Il golf è un gioco molto difficile a pensarci, tutte le regole, il galateo, non hai nemmeno una mazza da golf che devi padroneggiare a quattordici, poi ci sono le diverse piste, l'erba, i campi da golf, il tempo, per non parlare dei tuoi compagni di gioco.

Ci vuole un'età per giocare, e questo solo se si gioca su un campo da golf, ogni terreno ha un modo diverso di mandare una pallina tra gli alberi, bunker e anche qualche nervoso buttato dentro. Non è un gioco facile in cui vi sentirete i benvenuti, o a cui appartenete, e non cominciate nemmeno a pensare di essere padroni del gioco! Questo non succederà mai, molti pensionati sono stati rovinati da qualcuno che ha iniziato a giocare a golf.
Bisogna ammettere che qualcuno che ha affrontato tutta questa trafila e che è arrivato al punto in cui cominciava ad amare il gioco deve essere applaudito. Ciò che tende a essere dimenticato, però, è che la fiducia in questa fase è molto fragile, soprattutto quando i compagni di gioco si provano ad allenare sul campo da golf proprio mentre questo giovane golfista sta trovando i suoi piedi.
Qualsiasi commento, critica, anche se è intesa con buone intenzioni, può essere devastante per il golfista principiante. Soprattutto quando l'unica cosa che il giocatore vuole fare è giocare e gli allenamenti non sono richiesti. La parte più frustrante dell'essere allenatore, è quando si ha il giocatore in piedi, con il terrore del campo da golf che comincia ad evaporare, non si ha la cortesia comune di prendersi cura del proprio gioco e di tenere la bocca chiusa.

È una strana sessione di coaching quando devo dare consigli a un individuo forte, che ha ricoperto una posizione all'interno della società che comporta una grande responsabilità, su come dire educatamente a qualcuno di "andare a farsi fottere". Oppure tenere per sé le proprie opinioni e concentrarsi sulla propria palla. Sembra che la cortesia possa essere il catalizzatore per qualcuno che perde la fiducia, dove si limita a seguire le istruzioni con la speranza che il giocatore che non ha mai infranto i 90 sappia di cosa sta parlando.
Parlare con qualcuno del suo gioco di golf, cioè dei suoi difetti, sul campo da golf è una ricetta assoluta per il disastro. Ogni allenatore lo sa, e ogni giocatore serio vive secondo il codice di prendersi cura della propria palla, e se gli si chiede, dopo il round, "c'era qualcosa che si vedeva?", si procede con estrema cautela, come se l'altro giocatore significativo ti avesse chiesto che aspetto avevano pochi minuti prima che tu uscissi dalla porta.
In realtà posso garantire che la risposta migliore per tutti gli interessati sarebbe: "no, non ho visto niente, forse devi andare a vedere il professionista".Un bel po' di deviazione e durante questi strani momenti sono sicuro che il professionista sarebbe molto grato per il lavoro extra.
La cosa peggiore per i giocatori interessati è che so che il mio giocatore che ha ricevuto questo allenamento indesiderato sul campo da golf probabilmente non giocherà mai più con l'individuo perché si sentiva così a disagio. Fortunatamente il danno è stato solo temporaneo e il mio giocatore ha ritrovato rapidamente la fiducia e si è armato di alcune frasi utili nel caso in cui la stessa situazione dovesse ripetersi.
La cosa davvero ironica della situazione è che tutti questi consigli volevano essere utili e gentili, eppure si è verificato il risultato opposto. Quindi fate attenzione ai golfisti, come dice il proverbio, "i consigli gratuiti spesso hanno un prezzo eccessivo", o il mio preferito attribuito a Red Adair: "Se pensate che sia costoso assumere un professionista, aspettate di assumere un dilettante".




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.