L'UE vuole aggiungere il discorso dell'odio su Internet come un crimine

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 05-12-2020 16:00:00 · 0 Commmenti

La Commissione europea vuole aggiungere i discorsi di odio e l'incitamento all'odio su Internet all'elenco dei reati punibili nell'Unione europea (UE), in particolare contro i giornalisti, in un momento in cui le minacce fisiche e online sono in aumento per questi professionisti.

In gioco c'è il nuovo Piano d'azione per la democrazia europea, che prevede che nel 2021 "la Commissione proporrà un'iniziativa per estendere l'elenco dei crimini dell'UE ai sensi dell'articolo 83 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea, per coprire i crimini d'odio e i discorsi sull'odio, anche online".

L'articolo 83 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea fa riferimento a "reati e sanzioni penali in settori di criminalità particolarmente grave con una dimensione transfrontaliera" ed è qui che si parla di reati come il terrorismo, il traffico di droga e il riciclaggio di denaro sporco che Bruxelles intende includere il discorso dell'odio su Internet.

L'istituzione giustifica il provvedimento con l'aumento delle minacce fisiche e online e degli attacchi ai giornalisti nell'UE. "I giornalisti sono bersagli di molestie, discorsi di odio e campagne di diffamazione, a volte anche avviate da attori politici, in Europa e all'estero, e le donne giornaliste sono particolarmente prese di mira", rafforza la Commissione europea, osservando che, a volte, questo porta "all'autocensura e alla riduzione dello spazio per il dibattito pubblico su questioni importanti", ha rafforzato la Commissione europea, secondo Lusa News Agency.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.