Populisti sconsiderati.

scritto Gwynne Dyer, in Parere · 06-12-2020 14:00:00 · 0 Commmenti

"Non c'è niente di male a partecipare a un partito sessuale di qualsiasi tipo", ha detto una fonte al Parlamento europeo. "Tuttavia, questo tipo di incontri con molte persone sono illegali secondo le leggi sul coronavirus".

Per essere precisi, 25 uomini nudi che partecipano a una festa rumorosa sopra un bar gay nel centro di Bruxelles sono chiaramente contro le leggi belghe sul coronavirus, che permettono a non più di quattro persone di incontrarsi al chiuso, così qualcuno ha chiamato la polizia. Almeno tre degli arrestati erano membri del Parlamento europeo.

È stato particolarmente spiacevole per József Szájer. È un membro fondatore di alto livello del partito ungherese al governo Fidesz, un gruppo ultra nazionalista, populista e autoritario che difende i "valori familiari" e condanna l'omosessualità, ma è stato arrestato mentre fuggiva da quell'orgia (con delle pillole di ecstasy nello zaino). Eppure è difficile provare molta simpatia per lui.

Szájer era uno dei principali agitatori anti-gay di Fidesz, e si vanta di aver personalmente redatto le modifiche alla costituzione ungherese che definiva il matrimonio tra un uomo e una donna. Ora si è dimesso dalla carica di leader della delegazione ungherese al Parlamento europeo, e senza dubbio dovrà lasciare anche Fidesz. Ma qui c'è una storia più grande.

C'è stato un altro scandalo in Ungheria la settimana scorsa, in cui Szilárd Demeter, un alto funzionario culturale legato a Fidesz, ha scritto un articolo di opinione per uno sbocco filogovernativo che paragona il miliardario americano nato a Budapest George Soros, un ebreo fuggito dall'Olocausto, ad Adolf Hitler.

Demetra ha anche definito l'Unione Europea "la camera a gas di George Soros", e ha affermato

che l'Ungheria e la Polonia, i due membri dell'Europa dell'Est con governi populisti di estrema destra, sono "i nuovi ebrei" dell'Europa. È una cosa assolutamente folle - eppure suona vagamente familiare.

L'arroganza sfrenata, l'autocommiserazione, l'esagerazione spudorata e isterica sono tutte caratteristiche della nuova razza di populisti "illiberali" - e quando pensano di perdere, alzano sempre la posta in gioco. Penso, naturalmente, alla recente sconfitta elettorale di Donald Trump e al suo successivo comportamento.

Questa straordinaria avventatezza potrebbe essere una malattia trasmissibile? Potrebbe in qualche modo diffondersi anche agli accoliti di Trump all'estero? Ebbene, consideri la Polonia.

Il Partito cattolico ultraconservatore della legge e della giustizia (PiS) è al potere in Polonia dal 2015, eletto dalla stessa coalizione più anziana, meno istruita, non urbana, profondamente religiosa, che sostiene le acquisizioni populiste altrove. E come in altri Paesi governati dal populismo, c'è stata una costante erosione sia dei diritti umani che del rispetto delle norme democratiche.

Il PiS è stato rieletto proprio l'anno scorso, e il suo leader, Jaros?aw Kaczy?ski, 71 anni, dovrebbe avere il polso della Polonia. Ma tutto è andato in pezzi quando, alla fine di ottobre, un tribunale nominato dal PiS ha dichiarato che gli aborti non sarebbero stati consentiti anche in caso di gravi anomalie fetali in cui il bambino sarebbe morto subito dopo la nascita.

La Polonia aveva già restrizioni severe sul diritto all'aborto, ma questa si rivelò essere la goccia che fece traboccare il vaso. Milioni di giovani, e soprattutto giovani donne, hanno riempito le strade delle città polacche nelle più grandi manifestazioni antigovernative dalla caduta del comunismo nel 1989: "Vorrei poter abortire il mio governo", ha detto uno striscione popolare.

Le dimostrazioni sono continuate ogni giorno fino a quando non è stato dichiarato un nuovo blocco, e il PiS si è ora tirato indietro, rinviando la pubblicazione della decisione del tribunale a tempo indeterminato. Ma qualcosa è decisamente cambiato in Polonia: il sostegno a Kaczy?ski è sceso solo al 30%.

Poi c'è il presidente Jair Bolsonaro, o 'Tropical Trump', i cui candidati favoriti sono stati sbattuti in tutte le grandi città del Brasile alle elezioni locali del mese scorso, e il primo ministro britannico Boris Johnson, soprannominato 'Britain Trump' da The Donald, che ora sta seguendo il leader dell'opposizione nei sondaggi per la prima volta in assoluto.

A questo punto è solo una pagliuzza al vento, ma la sconfitta di Trump, il portabandiera populista, sta creando un senso di stallo in altri paesi governati da populisti.

L'effetto non ha ancora raggiunto l'Asia - il primo ministro Narendra Modi in India e il presidente Rodrigo Duterte nelle Filippine sono ancora molto in alto nei sondaggi - ma la cosa più importante per i populisti è stato lo slancio, e nei Paesi occidentali sembra che stia diminuendo.

C'è stato davvero un "effetto coda"? Difficile a dirsi. Dopo tutto, sia il PiS in Polonia che Fidesz in Ungheria sono saliti al potere prima che Trump fosse eletto alla fine del 2016. Ma i leader populisti di tutto l'Occidente sembrano credere che in qualche modo il loro destino sia legato a quello di Trump. Lo dimostra la crescente temerarietà del loro comportamento e la frequenza dei loro fallimenti.

Questo significa che sono tutti destinati a scomparire sulla sua scia? Probabilmente no, ma sarebbe bello.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.