Aiutare i bambini questo Natale

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 11-12-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

A Refood a Faro, ci sono molte lettere appese al loro albero di Natale, tutte con le richieste di 100 bambini di famiglie di Faro, che possono essere raccolte dalla comunità per realizzare questi desideri natalizi.

"Chiunque nella comunità voglia aiutarci e dare un Natale più felice a questi bambini, può venire da noi a Refood, prendere una di queste lettere, vedere i desideri dei bambini e fornire una delle richieste", ha detto Carlos Reis, uno dei coordinatori, all'agenzia di stampa di Lusa a Faro, che raccoglie e distribuisce i pasti in eccedenza dei ristoranti, e anche quelli fatti dai volontari.

Refood "si terrà in contatto" con chi prenderà la lettera e una volta che avrà il dono sarà conservata per la successiva consegna ai bambini.

L'idea è nata in isolamento, quando il movimento dei volontari ha portato cestini di cibo nelle case delle famiglie e si è imbattuto in bambini che "deliravano con una scatola di cereali", ha detto a Lusa Paula Matias, anche lei coordinatrice per due anni.

Paula Matias ha detto che ciò che l'ha colpita di più è stato il fatto che alcuni dei bambini erano molto modesti nelle loro richieste, con alcuni che chiedevano anche solo "felicità e salute".

"Non solo per dare gioia a questi bambini, ma anche conforto ai genitori, perché nella situazione in cui si trovano attualmente, non possono in alcun modo dare quella gioia ai loro figli e noi cerchiamo di aiutarli, affinché abbiano un Natale più dignitoso", ha sottolineato.

È attraverso un'amica che Catarina Anastácio e Luísa Cabrita hanno conosciuto l'iniziativa e hanno deciso di aiutare contribuendo ad un "buon Natale, con condivisione, cibo, regali e felicità", come ha sottolineato Luísa.

"Non abbiamo molti soldi, ma abbiamo più di alcune persone e penso che possiamo contribuire e dare a chi ha meno" ha detto Catarina.

Carina Ataíde è una delle persone sostenute dall'istituzione, ha detto a Lusa che questo è il secondo Natale che riceve sostegno. Consapevole delle difficoltà, i loro due figli "sanno già che non è possibile" ricevere regali di Natale: "Non chiedono... perché sanno che è difficile", ha lamentato.

Partendo dal presupposto che "è complicato" per una madre non essere in grado di rispondere alle richieste dei suoi figli in questo periodo natalizio, Carina ha sottolineato che il sostegno alimentare che riceve le permette di incanalare i soldi verso le cose in sospeso che "devono ancora pagare".

Gli ordini raccolti da Refood vanno dagli auguri di felicità o un cesto di cibo ai giocattoli, agli strumenti musicali e ai cellulari di seconda mano.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.