Cosa significa 'Ricco di petrolio', papà?

scritto Gwynne Dyer, in Parere · 11-12-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

"Gli unici funzionari presenti erano americani e sauditi", ha twittato il ministro degli Esteri dell'Arabia Saudita, il principe Faisal bin Farhan Al Saud, ma mentiva.

Il primo ministro israeliano Binyamin Netanyahu ha davvero volato in Arabia Saudita per trascorrere qualche ora con il principe ereditario Mohammed bin Salman e il segretario di Stato americano Mike Pompeo.

Dobbiamo questa conoscenza a quell'indispensabile risorsa giornalistica, i siti web di monitoraggio dei voli. Hanno rivelato che l'aereo privato Netanyahu di solito noleggiava voli per visite segrete all'estero partendo da Tel Aviv e volando a Neom in Arabia Saudita, decollava per il volo di ritorno tre ore e mezza dopo. Una volta questa sarebbe stata una notizia da prima pagina in tutto il mondo: "La superpotenza degli Stati Uniti e l'Arabia Saudita, ricca di petrolio, si riuniscono con il leader merlato israeliano per fare a pezzi il Medio Oriente", o qualcosa del genere. Mentre oggi questo 'summit', se così si può chiamare, viene a malapena notato.

Netanyahu è davvero combattuto, ma sono le accuse di corruzione che sta combattendo, non un nemico straniero. Pompeo è un politico che presto sarà disoccupato e che sta lucidando il suo CV per una nomina senatoriale nel 2022 o per la nomina presidenziale repubblicana nel 2024. Il principe Mohammed bin Salman è ancora a tutti gli effetti il dittatore dell'Arabia Saudita, ma questo non taglia più il ghiaccio nel resto del mondo. L'incontro non ha avuto alcun senso.

Una parte di questo crollo di rilevanza è temporanea. Netanyahu finirà in prigione o andrà in pensione, ma Israele sarà ancora la superpotenza dei nani che meglio cavalca militarmente il Medio Oriente.

Pompeo e il suo datore di lavoro saranno presto fuori servizio, e gli Stati Uniti recupereranno parte della loro precedente posizione di 'leader mondiale', almeno per un po'.

Ma l'Arabia Saudita non tornerà mai più a fare da mover e shaker. Il declino è permanente, perché "ricco di petrolio" è una frase destinata a diventare obsoleta come "copia carbone". I ricavi petroliferi dei produttori arabi sono diminuiti di oltre due terzi, da 1.000 miliardi di dollari nel 2012 a soli 300 miliardi di dollari quest'anno, e non torneranno mai più.

Il declino finora è stato trainato soprattutto da un forte calo dei prezzi del petrolio - la domanda è cresciuta costantemente ma la produzione di petrolio è cresciuta costantemente più velocemente - ma ora si profila anche un crollo assoluto della domanda.

Con l'aggravarsi dell'emergenza climatica, i veicoli a motore (che rappresentano la metà di tutto il consumo di petrolio a livello globale) stanno invece passando all'elettricità. Gran Bretagna e Francia sono ora impegnate a porre fine a tutte le vendite di auto nuove con motori a combustione interna entro il 2030, il che significa in pratica che nessuno lì comprerà una nuova auto a petrolio dopo il 2025. Molti altri paesi hanno o stanno discutendo misure simili.

Cosa succede quindi a un Paese come l'Arabia Saudita, dove i quattro quinti del bilancio del governo provengono dai proventi del petrolio? I tagli al bilancio sono già in atto, naturalmente, ma le entrate continueranno a diminuire. Inoltre, la popolazione di quasi tutti gli Stati del Golfo produttori di petrolio continua a crescere rapidamente.

Ad un certo punto queste due linee del grafico si intersecheranno in modo politicamente destabilizzante. Se l'Arabia Saudita e i piccoli Stati petroliferi del Golfo continueranno a spendere ingenti somme di denaro in armi, apparentemente per proteggersi dall'Iran, le linee si intersecheranno un po' prima, ma in ogni caso è solo questione di tempo.

La straordinaria stabilità di questi Stati - non un solo cambio di regime nelle sei monarchie "ricche di petrolio" della penisola arabica negli ultimi cinquant'anni - si è basata interamente sulla capacità dei governanti tradizionali di acquistare l'acquiescenza dei loro sudditi. Una volta che la ricchezza se ne va, se ne va anche la stabilità.

La penisola arabica è stata per breve tempo un importante centro di potere solo due volte nella storia del mondo: una volta nel 632-661 d.C., dopo di che la capitale del primo impero islamico si è trasferita a Damasco, e una volta dal 1973 a oggi - ma non per molto ancora.

Anche l'unità dell'Arabia Saudita stessa, imposta con la forza meno di un secolo fa, potrebbe non sopravvivere alla transizione. I centri di potere dominanti del Medio Oriente post-petrolio saranno esattamente dove sono stati per la maggior parte degli ultimi mille anni: Turchia, Iran ed Egitto. E in nessun momento degli ultimi mille anni due di queste tre potenze sono state in grado di cooperare a lungo.

Hanno alcune cose in comune: l'Islam (anche se in due versioni diverse e generalmente ostili), le economie relativamente moderne, semi-industrializzate (la Turchia più, l'Egitto meno), e circa 100 milioni di persone ciascuna.

Ma sono divisi per lingua (il turco, l'arabo e il farsi non hanno nulla in comune se non le parole di prestito), per distanza (le capitali distano più di 2.000 km. l'una dall'altra), e per storia e politica. L'Egitto è stato occasionalmente conquistato da uno degli altri due, ma questo non conta come collaborazione.

Si potrebbe quindi sostenere che lo stesso "Medio Oriente" sta per scomparire come concetto significativo. Nessuna grande perdita, in realtà.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.