Intermarché: una scatola di sorprese da scoprire

scritto Advertiser, in Business · 11-12-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Anne e Franck Saintemarie sono una coppia di imprenditori che nel 2007 hanno deciso di intraprendere il loro viaggio in Algarve. Da 13 anni contribuiscono quotidianamente a migliorare i livelli di sostenibilità in diversi settori: economico, sociale, ambientale e umano, che considerano un loro dovere di professionisti indipendenti nel settore alimentare.

Anne e Franck hanno iniziato ad Alenquer, Lisbona, nel 1999, con il loro primo supermercato, ma si sono presto resi conto che il sud del Portogallo avrebbe avuto molto di più da offrire. Quando hanno assunto la direzione di Intermarché de Lagos, quattro negozi Intermarché nell'Algarve barlavento, Lagos, Lagos Avenida, Alvor e Aljezur, ricordano con affetto il primo supermercato del sud del Portogallo: l'Intermarché de Lagos. E molto è cambiato da quando hanno varcato quelle porte per la prima volta.

"Lavoriamo per creare un'immagine coesiva, quindi abbiamo rimodellato l'intero edificio, sempre con l'obiettivo di offrire le migliori condizioni di comfort ai clienti, senza dimenticare i dipendenti", hanno detto. L'ultima ristrutturazione è stata completata nel 2017, quando hanno introdotto nello stesso spazio anche un FNAC. Inoltre, hanno trasformato i back office, le sale pausa e gli spogliatoi, sempre con l'obiettivo di offrire le migliori condizioni alle persone che lavorano con loro, in modo che siano sempre accoglienti e con il sorriso sulle labbra.

Non è stato sempre facile: "Abbiamo imparato dai momenti difficili, perché all'inizio abbiamo iniziato con supermercati più difficili e poi abbiamo comprato il supermercato di Lagos, che all'epoca era già conosciuto come uno dei migliori e dal 2007, quando siamo entrati qui, abbiamo iniziato ad aprire gli altri negozi. Dopo alcune avventure meno facili abbiamo messo radici qui", ha detto Anne Saintemarie.

Anche ad Intermarché , il modello di business è molto interessante. Nonostante sia un franchising, c'è una comunicazione molto consolidata tra i proprietari e l'ufficio centrale. Ogni settimana, i proprietari si prendono due giorni per andare al supermercato centrale per decidere la strategia commerciale insieme agli altri proprietari degli altri Intermarché. Questo modello ha molti vantaggi, soprattutto perché permette ai proprietari di presentare i problemi che sono stati sollevati nei propri supermercati, o di trovare soluzioni, avvicinando in ultima analisi il marchio al consumatore finale. Intermarché, nata come azienda francese, al momento ha più di 250 supermercati distribuiti su tutto il territorio nazionale.

Anne spiega meglio: "È come un franchising, ma abbiamo più indipendenza. Ogni proprietario deve andare al centro ogni settimana per partecipare, dare un feedback su quello che sta succedendo e noi influiremo sui professionisti che sono nella nostra zona. Questa è la differenza rispetto al franchising puro e al franchising Intermarché. Questo è super rilevante perché tutto viene trattato sul campo".

Non ci sono grandi risultati, senza grandi sogni: "La nostra visione è quella di portare qualcosa di fondamentale, che è mangiare meglio e con sostenibilità. Abbiamo la possibilità di realizzare il nostro progetto in ogni punto vendita, il centro ci dà alcune linee guida, ma ci lascia aperti a realizzare il nostro sogno", ha detto Anne.

Anche fare shopping all'Intermarché può essere un'esperienza emozionante. Possiamo trovare nuove sorprese in ogni corsia. Infatti, i clienti felici sono ciò a cui dovrebbe aspirare chiunque lavori nel settore alimentare. Qui ad Intermarché, questo è esattamente ciò che riusciamo a trovare: "La maggior parte delle sorprese funzionano molto bene; la gente cerca questo genere di cose. Cercano il sushi che si prepara sul posto, cercano una pizza che siano in grado di vedere le persone che la preparano - quello che vedono lì è quello che portano a casa, non c'è nessun mistero intorno", ha detto Anne. Oltre a questi, possiamo trovare molto altro, tra cui succo d'arancia e salmone affumicato, che sono freschi e hanno un gusto inconfondibile.

Altri esempi di sorprese che possiamo trovare mentre camminiamo per Intermarché Lagos, sono il burro di arachidi e la nutella che può essere fatta da ognuno di noi, utilizzando la piccola macchina che Intermarché ci ha fornito, prodotti biologici alla rinfusa, che è qualcosa che di solito non si trova perché i prodotti biologici sono solitamente venduti in confezioni di plastica. Inoltre, quando finiamo di fare la spesa al supermercato troviamo il chiosco della solidarietà davanti alle casse.

Cos'è il chiosco della solidarietà? È uno spazio che esiste solo per tre settimane, in cui altri piccoli commercianti hanno la possibilità di vendere i propri prodotti per aumentare la loro visibilità gratuitamente, il che significa che la persona che venderà i propri prodotti non è obbligata a pagare ai proprietari di Intermarché per essere presente. Questo può aiutare molti commercianti che approfittano di questa opportunità.

Anne fa un esempio di un uomo che di solito vende il caramello nelle fiere: "Una volta vendeva il caramello nelle fiere", ha detto Anne. Tuttavia, come tutti sappiamo, le fiere non sono attualmente ammesse a causa della pandemia e delle possibilità di diffusione del virus in quel tipo di spazio/evento. Così quest'uomo, come molti altri, non è stato in grado di vendere i suoi prodotti come faceva di solito prima. Per questo motivo, ha deciso di essere presente per tre giorni al supermercato Intermarché, ed è stato un successo! Così, attualmente l'uomo ha uno spazio per vendere il suo prodotto nel chiosco della solidarietà. Per Anne non è un atto di carità: "Lo facciamo perché ne abbiamo bisogno, abbiamo bisogno delle persone che ci circondano. Il caramello è fatto da quest'uomo, oggi non è più fatto, e ci fa sentire nostalgici di quello che mangiavamo prima. L'idea è di aiutare gli altri, mentre gli altri aiutano noi, viviamo tutti insieme, condividiamo lo stesso paese e dobbiamo promuovere l'economia circolare. Questo è il nostro ruolo", ha detto.

Inoltre, la strategia commerciale di Intermarché tiene sempre conto dei temi della sostenibilità, è impossibile sfuggire a questo tema centrale che coinvolge più di un settore: ecologico, sociale, economico e umano.

In relazione alla sostenibilità sociale: "Sappiamo che siamo in grado di farlo e lo facciamo per quanto possibile. Aiutiamo le associazioni (come Fonte da Vida - Associazione di Lagos) che sostengono le famiglie bisognose. Cerchiamo anche di avere un'economia circolare. Senza avere un budget enorme da dare, cerchiamo di aiutare in ogni modo possibile, come quando rimane del cibo da asporto, abbiamo solo due opzioni, possiamo darlo a un'associazione che sostiene le persone bisognose, oppure possiamo buttarlo nella spazzatura. Naturalmente, è nostra responsabilità scegliere la prima. Noi, come ogni imprenditore, abbiamo una maggiore capacità di entrare in contatto diretto con le persone che hanno bisogno del nostro aiuto", ha detto.

Per i proprietari dell'azienda, Anne e Franck Saintemarie, la loro missione non è solo quella di fornire cibo. Naturalmente, questo è il loro obiettivo principale, ma dopo di che cercano sempre di contribuire ad aumentare le opzioni verdi, nella valorizzazione umana del loro personale, come nelle scommesse su un'economia circolare in cui danno priorità al loro coinvolgimento nella comunità, stabilendo che il 20 per cento dei suoi prodotti deve essere prodotto locale. Per questo motivo, la sostenibilità è il pilastro fondamentale della loro attività. Inoltre, tutte queste scelte contribuiscono a realizzare un supermercato pensato appositamente per il cliente.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.