La produzione di vino in Algarve: un mercato in crescita

scritto Bruno G. Santos, in Cibo e Vino · 11-12-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Si stima che fin dai tempi dell'antica Grecia il vino sia stato una delle nostre bevande preferite.

Prodotto attraverso la fermentazione del succo d'uva, il vino è probabilmente la bevanda che ha portato più gioia ai pranzi, alle cene e ai pomeriggi di molte persone in tutto il mondo. Con diverse varianti, sia esso rosato, bianco o rosso, mentre sul tavolo c'è una bottiglia di vino ci saranno sicuramente storie da raccontare e da ricordare.

L'Ultima Cena è stata celebrata con il vino e la celebrazione della firma della dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti d'America ha dato diritto a un brindisi con il vino di Madeira, che dimostra la versatilità della bevanda, che può rallegrare un gruppo di amici o avere una connotazione seria e rescindere contratti che hanno cambiato il mondo.

Il Portogallo assume la posizione di uno dei più grandi produttori di vino del mondo. Con vini di tutte le qualità, il Portogallo produce vini che possono soddisfare tutti i palati, in tutto il paese e nel mondo. Il Portogallo ha vini di eccellenza riconosciuti in tutto il mondo come vino Porto, un vino che porta con sé una storia immensa.

Dal continente agli arcipelaghi, il Portogallo ha 14 regioni vinicole che producono vino con varie caratteristiche, colori, aromi e profumi. Con il tempo, il vino non è più solo un elemento essenziale da avere a tavola durante il pranzo, una cena romantica o semplicemente per rinfrescarsi in estate. Il vino ha suscitato la curiosità di molti che si proclamano esperti della zona e cercano nelle più diverse cantine vini con le loro caratteristiche preferite. Il vino è prodotto in tutto il territorio nazionale e in tutto il paese, non è solo il vino in sé, ma anche il suo processo di produzione.

Nella regione dell'Algarve la produzione di vino è cresciuta gradualmente. Le caratteristiche climatiche e del suolo offrono ai vini dell'Algarve un'identità unica. Secondo Jorge Santos, sommelier dell'Algarve, il succo estratto dall'uva viene trattato con le più moderne attrezzature, che danno la migliore qualità al prodotto finale.

Nell'Algarve si producono soprattutto vini rossi, bianchi e rosati, ciascuno con caratteristiche molto specifiche. Jorge Santos ha spiegato a The Portugal News, che i vini rossi dell'Algarve hanno "aromi di frutta matura", con sapori equilibrati e possono "invecchiare bene in bottiglia". I bianchi, invece, presentano note di freschezza che, secondo il sommelier, si combinano "perfettamente" con la cucina locale. I rosé hanno aromi di frutti rossi e possono essere accompagnati con frutti di mare o possono essere bevuti anche "freschi in una giornata calda".

Il turismo del vino è cresciuto in tutto il paese e alcuni vigneti hanno scommesso su questo turismo, come Quinta dos Vales, nel comune di Lagoa, in Algarve. In un'intervista a The Portugal News, António Francês, direttore di Quinta dos Vales, ammette che il futuro della vigna coinvolge anche il turismo del vino. La scommessa in questo settore turistico prevede, ad esempio, la costruzione di 32 camere da letto, tutte di dimensioni diverse, per accogliere giovani coppie, senza figli o "con un bambino piccolo".

Secondo António Francês, "il progetto Quinta dos Vales si basa principalmente sull'onestà". I vini sono prodotti con l'aiuto di alcuni interventi professionali da parte dei viticoltori, perché "sono loro che preparano il vino per raggiungere il livello di eccellenza".

Il 2020, per quanto riguarda la qualità dell'uva, è stato un "anno assolutamente eccezionale", ma la pandemia di Covid-19 ha cambiato un po' i piani, secondo António Frances "l'eccedenza relativa a ciò che viene venduto" è uno dei maggiori problemi dell'anno 2020, dove sia i vini bianchi che quelli rossi sono in magazzino senza essere effettivamente venduti.

Nel comune di Lagoa, a Quinta da Vinha, Quinta Wines produce un vino monastico e ha vinto "la medaglia d'oro a Bruxelles" secondo Dinis Gonçalves, l'enologo di Quinta da Vinha. La varietà di vino in questione è Negramole. Sebbene non siano stati pionieri nella produzione di vino di questa varietà, i vini Cabrita sono stati i primi a produrre Negramole in grande volume e ad essere premiati. Dinis Gonçalves dice che tutto è iniziato con "una produzione di cinquemila bottiglie", ora la produzione è di circa ventimila bottiglie all'anno.

I vini Cabrita hanno la maggiore visibilità nell'Algarve, corrispondente all'"85% delle vendite", tuttavia il mercato è in crescita e il 10% delle vendite è concentrato nella regione di Lisbona e il 5% sulle esportazioni, secondo Dinis Gonçalves.

Come Quinta dos Vales, Quinta da Vinha non si concentra solo sulla produzione di vino. È nel 2016 che i responsabili della Quinta hanno creato un programma di visite guidate, dove è possibile conoscere i vigneti, la storia della Quinta e terminare con una degustazione di vini accompagnati da tapas. I pacchetti sono adattati alle preferenze del cliente.

Sara Silva, presidente della Wine Algarve Commission (CVA), ha dichiarato a The Portugal News, che ci sono registrati nella CVA "45 agenti economici, con 38 produttori che immettono attivamente sul mercato vino certificato".

Secondo Sara Silva, la CVA, insieme ai produttori, ha svolto "un lavoro importante nella promozione dei vini dell'Algarve", sia che sia presente a fiere del vino che a concorsi nazionali e internazionali. La domanda del prodotto beneficia soprattutto del turismo nella regione dell'Algarve. Sara Silva sottolinea che la domanda aumenta gradualmente, "in seguito alla crescita della regione in termini di produttori e di nuovi marchi".
Il presidente della direzione del CVA ha dichiarato in un'intervista a The Portugal News che "ci sono ancora alcuni miti che devono essere demistificati", come i miti legati alla gradazione alcolica dei vini, alla qualità e al prezzo del prodotto finale. Questo lavoro è stato fatto attraverso la formazione impartita al consumatore finale e, in particolare, a coloro che lavorano nei ristoranti. Sara Silva chiede la presenza dei vini nel settore alberghiero, in quanto porterebbe molta visibilità al prodotto.

In generale, tutti coloro che si occupano di produzione vinicola in Algarve credono nelle potenzialità del prodotto finale e sperano che il vino dell'Algarve venga riconosciuto e consumato come merita.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.