Si può fare il bagno nella foresta per gli alberi?

scritto Kim Schiffmann, in Renature · 11-12-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Il pianeta Terra ha visto giorni migliori. Lo sappiamo tutti ormai. Ecco perché noi di The Portugal News pensiamo che sia così importante mettere in evidenza persone e progetti che aiutino a rimettere in piedi il nostro pianeta, con idee creative, fuori dal comune e soprattutto sostenibili.

Natalie Fox è una di quelle persone. È un'insegnante di surf e yoga in Algarve, che ha appena finito il suo master in sostenibilità, un argomento che la appassiona molto.
Mentre parlavo con lei, ho imparato molto su cosa significa effettivamente sostenibilità e su quanto sia difficile ottenere risultati in questo campo, poiché si tratta di molto più di un semplice problema. Si tratta di una rete di molte questioni che dipendono tutte l'una dall'altra e raggiungere l'obiettivo di una vita sostenibile, significherebbe cambiare il modo in cui funziona il nostro mondo.

Natalie mi spiega che "tradizionalmente, l'educazione e le materie sono state compartimentalizzate, dove si ha la scienza o la matematica o la psicologia. Ma quando si è trattato degli anni '70 e '80 e di approcci più moderni ai problemi che stiamo affrontando nel mondo, gli scienziati si sono resi conto che dovevamo essere in grado di attraversare le materie, di essere in grado di comprendere questi temi sempre più complessi. "Per esempio il cambiamento climatico, è così complesso, e nessuno ha la risposta su come lo risolveremo, ma almeno con la sostenibilità sappiamo che dobbiamo essere in grado di passare attraverso il pubblico, attraverso i comportamenti, attraverso il cambiamento delle politiche e anche attraverso i sistemi finanziari che devono cambiare".

Per rendere tutto questo più facile da capire, Natalie suggerisce di guardare a qualcosa chiamato "Doughnut economics". Si tratta di un modello visivo a forma di ciambella, da cui il nome, che mostra l'equilibrio necessario tra i confini sociali e planetari.

Gli scienziati hanno creato una proiezione su ciò che accadrebbe se continuassimo a usare le risorse nel modo in cui stiamo facendo attualmente ed è per questo che ogni anno ora abbiamo il giorno del superamento della terra, che è il giorno in cui abbiamo esaurito tutte le risorse entro l'anno che è sostenibile. Quest'anno, a causa della pandemia e dell'isolamento, il giorno del superamento del limite della terra è avvenuto il 22 agosto, mentre negli anni precedenti era solitamente intorno alla fine di luglio o all'inizio di agosto.

Per il master in sostenibilità di Natalie ha dovuto fare un tirocinio. Ha detto che "voleva saperne di più sul processo di compensazione del carbonio e su cosa potremmo fare per ridurre le emissioni di carbonio". È andata a lavorare con un'impresa sociale con sede in Portogallo, chiamata Mossy Earth, che si concentra sulla ricostruzione, non solo piantando alberi ma anche aumentando la biodiversità.
"Se vogliamo concentrarci sulla creazione di più riserve naturali che devono includere la biodiversità. Questo è l'elemento costitutivo della vita, cose diverse che interagiscono tra loro", ha anche detto che "è qui che si comincia a fare politica in Portogallo e nelle piantagioni di eucalipto, che è monocolturale, e che devasta qualsiasi tipo di ecosistema naturale in quelle zone e nelle zone circostanti"."Più o meno tutti coloro che vivono in Portogallo sanno già che gli eucalipti sono un problema anche quando si tratta di incendi, così la Terra Mossy va nelle zone che sono state distrutte dalle fiamme e ripianta diverse specie autoctone.

Natalie mi dice che il loro ultimo progetto, però, è quello di fare fondamentalmente la stessa cosa sott'acqua. In collaborazione con un SeaForester, la loro missione, secondo il loro sito web, è "ripristinare le foreste dimenticate nel nostro oceano" testando diversi metodi di semina del kelp lungo la costa del Portogallo, da Viana do Castelo, a Peniche, Sines e Sagres. "Stanno riforestando sott'acqua, nel senso di alghe e fuco, che sono stupefacenti nel sequestrare il carbonio. L'oceano produce almeno il 50% dell'ossigeno che respiriamo, quindi è davvero integrato nel ciclo del carbonio. Le mangrovie, le praterie di alghe marine e le foreste di fuco sono i tre grandi ecosistemi marini che sono davvero importanti per il sequestro del carbonio, ma vengono anche decimati molto più velocemente rispetto, per esempio, alle foreste pluviali".

L'inquinamento e l'aumento della temperatura del mare, tra gli altri fattori, hanno causato il collasso di molti ecosistemi marini, e poiché gli ambienti sottomarini che si stanno deteriorando non sono visibili per la maggior parte delle persone, viene prestata loro troppa poca attenzione. Sul sito web di SeaForester ho letto che le alghe marine, una delle piante a crescita più rapida del mondo, possono effettivamente invertire l'acidificazione dei nostri oceani, ridurre l'erosione costiera e costruire popolazioni di pesci, il tutto catturando il carbonio cinque volte più efficientemente delle foreste tropicali.

"In termini di confini planetari, la perdita di biodiversità, l'inquinamento atmosferico, il cambiamento climatico e la conservazione del territorio potrebbero essere tutti affrontati con progetti di ricostruzione e rinaturalizzazione, è un ottimo modo per coprire una serie di questioni con una sola soluzione", dice Natalie Fox.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.