"Oggi siamo più vicini ad un accordo" UE-Regno Unito - Santos Silva

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 16-12-2020 16:20:00 · 0 Commmenti

Il Ministro degli Esteri ritiene che l'Unione Europea e il Regno Unito siano "oggi più vicini a un accordo" e confida che la "razionalità" di un esito positivo "tenderà a prevalere sulle emozioni".

In un'intervista a Lusa, Augusto Santos Silva affronta anche il tema della pesca, uno degli ultimi punti aperti del negoziato, per sottolineare che, in questo capitolo, il Portogallo non è uno dei paesi che sarà più colpito da un eventuale "no-deal", ma beneficerà indirettamente della sua risoluzione.

"Alla data e all'ora del nostro intervento, le prospettive sono più positive di quanto non lo fossero la settimana scorsa e quindi direi che oggi siamo più vicini a un accordo sui futuri rapporti tra Unione Europea e Regno Unito", ha detto il ministro, intervistato il 15 dicembre.

Il ministro giustifica questo ottimismo sottolineando che "le squadre negoziali stanno lavorando", che "per due volte [...] il presidente della Commissione europea e il primo ministro del Regno Unito hanno impedito la chiusura dei negoziati senza un risultato positivo" e, "soprattutto, perché ciò che separa le due entità è oggi relativamente poco".

"Credo che, in fin dei conti, la razionalità tenderà a prevalere sulle emozioni. Credo che ci sarà un accordo", dice.

Uno dei "punti critici" in attesa di un accordo è la pesca, in cui il Portogallo ha "un interesse meramente indiretto", in quanto per la pesca nelle acque norvegesi, in particolare del merluzzo, beneficia "di una controparte offerta alla Norvegia dai diritti di pesca nelle acque del Regno Unito".

"Pertanto, il nostro interesse è solo indiretto, non facciamo parte del gruppo di paesi che saranno più direttamente danneggiati se non si raggiunge un accordo", spiega.

Un altro "punto critico" sono le condizioni di concorrenza, l'accordo economico, in cui l'obiettivo di "zero tariffe e zero quote nel commercio tra Europa e Regno Unito", che consente esportazioni e importazioni senza dazi doganali, implica condizioni equivalenti per beni e servizi da entrambe le parti.

"Perché, ad esempio, agli Stati europei è vietato, se non in circostanze eccezionali ben definite, sovvenzionare le loro aziende per ottenere vantaggi internazionali. Il Regno Unito deve avere una disposizione equivalente, altrimenti la concorrenza non è leale e dobbiamo imporre tariffe", sottolinea.

È a questo punto che, "se non c'è un accordo, le cose saranno più difficili", poiché da gennaio si applicano le regole dell'Organizzazione Mondiale del Commercio, con l'imposizione di tariffe sul commercio, che incideranno sulle esportazioni, "importanti per alcuni settori di attività economica [in Portogallo], per esempio, l'industria conserviera, e influenzeranno le importazioni".

In assenza di un accordo, il Portogallo applicherà il piano di emergenza europeo, perché appartiene ad un mercato unico con "condizioni comuni per la negoziazione commerciale con entità terze".

Già risolto, "a soddisfazione" è ciò che è stato "la principale fonte di preoccupazione": le condizioni e i diritti dei cittadini europei residenti nel Regno Unito e dei britannici che vivono nell'Unione Europea.

Nel caso dei portoghesi nel Regno Unito, ci sono già stati "più di 300mila", con un "tasso di rifiuto assolutamente residuo", e nel caso dei britannici in Portogallo, tra il 2010 e il 2020, il numero di britannici residenti in Portogallo è "quasi raddoppiato", attualmente circa 50mila.

Anche per quanto riguarda il turismo "le cose si sono sistemate", che è di grande importanza per il Portogallo, dato che il Regno Unito è il più grande mercato turistico.

Non imporremo la necessità di un visto a nessun cittadino britannico che venga in Portogallo e confidiamo che il Regno Unito faccia lo stesso per i cittadini europei", ha osservato, aggiungendo che sono già state adottate misure negli aeroporti di Faro e Funchal per facilitare "l'ingresso e la circolazione dei cittadini britannici che vengono, per esempio, in vacanza".

Con il rischio di non raggiungere un accordo a due settimane dalla fine del periodo di transizione, che termina il 31 dicembre, il Portogallo sta rivedendo il suo piano di emergenza nazionale, che, ha spiegato il ministro, include "un regolamento di allineamento sui servizi finanziari" e le basi per "negoziare un nuovo accordo bilaterale di sicurezza sociale" e "un accordo sulla salute", a livello europeo o, se non è possibile, a livello nazionale.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.