50% Airbnb's senza licenza legale

scritto TPN/Lusa, in Business · 18-12-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Quasi il 50 per cento degli alloggi a Lisbona registrati sulla piattaforma di noleggio digitale Airbnb non ha una licenza valida, con il 30 per cento delle proprietà che, secondo un nuovo studio, non hanno nemmeno il permesso di essere utilizzate a questo scopo.

"Tra gli alloggi Airbnb elencati a Lisbona, il 30% non ha una licenza per operare e il 17% non utilizza una sola licenza per le proprietà registrate. In totale, il 47% degli alloggi a Lisbona registrati sulla piattaforma Airbnb non hanno una licenza valida", dice lo studio di José Pedro Lopes e Manuel Banza, studenti post laurea in Scienze dei dati per l'ospitalità e il turismo, dell'Universidade Nova de Lisboa.

Proponendo l'implementazione di un processo di approvazione della licenza da parte di Turismo de Portugal, gli autori spiegano di aver trovato "casi di licenze i cui spazi sono lasciati vuoti o sono riempiti con 'Airbnb123'", secondo l'agenzia di stampa Lusa.
"Nel caso più estremo, abbiamo trovato la stessa licenza da utilizzare per 24 proprietà. Ogni proprietà dovrebbe avere una sola licenza", ha detto Manuel Banza, in una dichiarazione a Lusa.

Secondo lo studio, i dati, raccolti nell'ottobre 2019, hanno rivelato l'esistenza di un'attività in "forte crescita": "Dal 2016, il numero di proprietà elencate su questa piattaforma, a Lisbona, è più che triplicato, passando da 8.000 a 25.134 proprietà entro la fine del 2019", dicono gli studenti del saggio della NOVA Information Management School (NOVA IMS).

Secondo l'analisi, Lisbona è nella lista delle dieci città del mondo con la maggiore offerta di alloggi locali su Airbnb, ed è nelle parrocchie di Santa Maria Maior, Misericordia e Arroios che si concentra la maggiore offerta, rappresentando, insieme, il 36% del totale delle proprietà registrate nella capitale.

"Lisbona è, tra le dieci principali città del mondo, quella dove c'è una maggiore preponderanza di ospiti con più alloggi elencati. Il 73 per cento degli ospiti ha almeno due proprietà elencate, che si confronta con Parigi (30 per cento), Berlino (34 per cento) o Milano (45 per cento)", rivela lo studio.

La ricerca condotta nell'ambito del programma di laurea in Business Analytics for Hospitality & Tourism di NOVA IMS aggiunge che il più grande 'host' di Lisbona ha 264 proprietà registrate e che otto dei 10 maggiori host sono aziende.

Lo studio mira a preparare "professionisti in grado di sviluppare e applicare modelli analitici per il turismo, combinando le diverse aree coinvolte nel turismo con un approccio trasversale alla scienza dei dati per farne leva".

L'agenzia di stampa di Lusa ha cercato di contattare Airbnb per maggiori informazioni, ma senza successo.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.