Nuova documentazione per i britannici in Portogallo

scritto Daisy Sampson, in Notizia · 18-12-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

La SEF e l'Ambasciata britannica lanciano una nuova iniziativa congiunta di Brexit per i cittadini britannici residenti in Portogallo

Il Border and Immigration Service (SEF) e l'Ambasciata britannica a Lisbona hanno lanciato la seconda fase di una campagna congiunta per informare i cittadini britannici residenti in Portogallo sulla procedura di scambio del loro attuale documento di soggiorno con un nuovo permesso che conferma il loro status di residenti ai sensi dell'accordo di ritiro.

Lo scambio dell'attuale documento (un certificato di registrazione UE rilasciato dal municipio o un certificato di residenza permanente UE rilasciato dal SEF) può essere effettuato sul nuovo portale Brexit https://brexit.sef.pt/en/, che consente ai cittadini britannici di avviare il processo online. La nuova carta sarà rilasciata a partire dal 1° gennaio 2021, quando i cittadini britannici non saranno più soggetti ai requisiti UE. La nuova carta dimostrerà che essi sono coperti dalle disposizioni dell'accordo di ritiro tra l'UE e il Regno Unito e che i loro diritti sono tutelati dopo la fine del periodo di transizione.

Dopo essersi registrati online sul nuovo Portale, i cittadini del Regno Unito potranno scaricare un certificato digitale con un codice QR che potrà essere utilizzato in viaggio come prova di residenza in Portogallo.

A partire dal 1° gennaio 2021, SEF contatterà i cittadini britannici registrati sul Portale, per fissare un appuntamento presso uno dei 38 municipi selezionati in Portogallo, dove potranno fornire i loro dati biometrici da inserire nella nuova carta.
I cittadini britannici potranno inoltre utilizzare l'indirizzo telefonico ed e-mail dedicato, per inviare richieste legate all'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea, incluso il processo di scambio di documenti.

Icittadini britannici possono trovare ulteriori informazioni sul portale Brexit.
Gli attuali documenti di soggiorno nell'UE continueranno ad essere accettati in Portogallo e alla frontiera esterna dopo il 31 dicembre 2020 e fino al rilascio della nuova carta.

L'ambasciatore britannico Chris Sainty ha accolto con favore questo sviluppo: "Siamo molto grati alle autorità portoghesi che hanno lavorato duramente per preparare questo portale prima della fine del periodo di transizione. Non ho dubbi che questo sarà accolto con favore dalla comunità britannica in Portogallo".

"È un passo importante che rassicurerà i residenti britannici sui loro diritti ai sensi dell'Accordo di Ritiro". Sono anche molto contento che l'Ambasciata britannica e il SEF siano riusciti a lavorare così bene insieme. Questa collaborazione sta davvero aiutando a garantire che i cittadini britannici in Portogallo abbiano le informazioni di cui hanno bisogno alla fine del periodo di transizione".

Il direttore nazionale ad interim della SEF, José Barão, ha sottolineato l'eccellente collaborazione tra le istituzioni nell'erogazione di un servizio pubblico d'eccellenza: "Il lavoro della SEF inquesto portaleBrexit fa parte della strategia di trasformazione digitale dei nostri servizi. Siamo stati tra i primi paesi dell'Unione europea a mettere a disposizione un portale che consente lo scambio di permessi di soggiorno nell'ambito dell'accordo di ritiro. Il rispetto degli impegni assunti dallo Stato portoghese è fondamentale per SEF, così come la tranquillità della comunità britannica e delle sue famiglie, che vivono sul territorio nazionale. Ringraziamo la disponibilità permanente e l'intensa collaborazione dell'Ambasciata britann ica in questo sforzo congiunto".



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.