Il più grande allineamento di Giove e Saturno visibile nelle Azzorre dal 1623

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 21-12-2020 13:00:00 · 0 Commmenti

Il fenomeno si verifica ogni 20 anni, ma i due pianeti non sono più così vicini dal 1623.

La congiunzione di Saturno e Giove, quando i due pianeti si allineano, avviene oggi, il 21 dicembre e, a seconda delle condizioni meteorologiche, è visibile dalle Azzorre, garantisce l'Osservatorio Astronomico di Santana - Azzorre (OASA).

"Non solo sono i due pianeti più grandi del sistema solare, ma sono anche i due pianeti più grandi che possiamo vedere a occhio nudo", anche se Venere è "più luminosa", spiega Pedro Garcia, tecnico delle comunicazioni dell'OASA.

Vent'anni fa, nel 2000, "questi due pianeti erano molto vicini, al punto che potevamo mettere un mignolo tra i due, che è più o meno un grado nel cielo". Questa volta, se mettiamo un mignolo, saremo in grado di coprire entrambi i pianeti, il che significa che è davvero, davvero vicino".

In quello che sarebbe "il momento clou dell'anno", l'OASA non aprirà le porte a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia di Covid-19.

Il fenomeno si verifica intorno alle 17:30 nelle Azzorre (18:30 nel Portogallo continentale) ma Pedro Garcia consiglia di iniziare a seguire il fenomeno dalle 15:30 (16:30 a Lisbona).

Per quanto riguarda la sua posizione, "l'oggetto sarà visto a sud-ovest. Dopo il tramonto, più o meno nella stessa posizione", aggiunge.

"Finché la gente avrà una buona vista sul mare, a sud-ovest, che non ci siano montagne o case davanti, o pali della luce con inquinamento luminoso, vedrà facilmente questo fenomeno", garantisce.

I due pianeti formeranno un punto simile a una stella. Pedro Garcia spiega che "uno dei modi in cui ci rendiamo conto che non è una stella è perché non sfarfalla, perché i pianeti non sfarfallano nel cielo, ma un punto molto luminoso apparirà nel cielo".

Con l'avvicinarsi del Natale, e nel giorno del solstizio d'inverno, questo allineamento è di particolare rilevanza, poiché c'è chi lo confronta con la stella che ha guidato i Re Magi: L'astronomo e matematico Johannes Kepler, nel XVII secolo, "suggeriva che ciò che viene descritto della stella di Betlemme era una congiunzione, ma non mi sembra che sia niente del genere, anche perché l'effetto non sarà simile alla descrizione della stella di Betlemme", demistifica.

"Approfittatene perché questo fenomeno non si ripeterà per circa 60 anni, nel 2080, e questa potrebbe essere l'ultima possibilità per molte persone", dice.

Nonostante sia stato chiuso quel giorno, l'OASA trasmetterà online le immagini di questo evento. Ma il tecnico rinforza: "Sarò sincero, questi video possono essere visti più tardi, su internet, quello che consiglio è che, se il tempo è bello, andate fuori, usate il cellulare, e andate a vedere il fenomeno".



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.