Ryanair sotto tiro per quanto riguarda i licenziamenti

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 23-12-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

L'Unione Nazionale del Personale di Volo dell'Aviazione Civile (SNPVAC) ha accusato Ryanair di aver avviato un nuovo processo di licenziamento collettivo, ora alla base di Lisbona, dopo averlo fatto a Porto.

"Ryanairha deciso, inanely e senza alcun criterio di gestione, di avviare un nuovo processo di licenziamento collettivo, ora alla base di Lisbona, che coinvolge sei membri dell'equipaggio, che curiosamente si sono rifiutati di firmare, nonostante le pressioni di Ryanair , un addendum, che come il sindacato ha avvertito all'epoca, è illegale", ha detto l'SNPVAC in un comunicato.

Il sindacato sottolinea inoltre di essere venuto a conoscenza del fatto che Ryanair ha ripreso, il 1° dicembre di quest'anno, il processo di licenziamento collettivo del personale di cabina della base di Porto, che ha interessato 23 persone. Nella dichiarazione, si dice che questo processo "non è altro che una rappresaglia" per i membri dell'equipaggio coinvolti e "confuta completamente" l'argomento che "c'è un eccesso" di membri dell'equipaggio nelle basi in Portogallo.

Inoltre, il sindacato ricorda, "ancora una volta", che la compagnia aerea, "potrebbe optare" per le misure previste dalla legge, come ha fatto in aprile e maggio, e che "mitigherebbe i costi senza dover ricorrere al licenziamento".

L'ultima decisione di Ryanair è considerata "irrispettosa" dal consiglio d'amministrazione dell'SNPVAC, e "sbagliata", in quanto nelle ultime settimane ha dimostrato "piena disponibilità a parlare, a dialogare e a negoziare".Anche se ha dovuto "superare certi statuti", ritenendo che le due istituzioni "si sarebbero veramente impegnate" a trovare una "soluzione credibile per non licenziamenti", si legge nella nota pubblicata.

Il sindacato sottolinea che questo nuovo licenziamento collettivo segue l'annuncio pubblico di Ryanair di aumentare i voli per Porto in dicembre e gennaio a causa dell'aumento della domanda di questo Natale. Il licenziamento avviene dopo l'annuncio dell'acquisizione di 75 Boeing 737 Max, che "dimostra la prospettiva di crescita già dal prossimo anno", come sottolinea il presidente esecutivo, Michael O'Leary, che prevede di ricevere 50 aerei di questo modello già nel 2021, il SNPVAC.

Afferma inoltre che il licenziamento avviene quando l'utilizzo di membri dell'equipaggio di altre basi in cassa integrazione, per colmare la carenza di lavoratori nelle basi in Portogallo, causata dall'aumento del numero di voli, quando la compagnia sta conducendo corsi di formazione per i nuovi membri dell'equipaggio e quando le ultime previsioni indicano un'effettiva ripresa già nel 2021, fortemente influenzata dalla comparsa del vaccino che ha portato a un forte aumento della domanda e delle riserve.

Il consiglio di amministrazione di SNPVAC si chiede come sia stato possibile per Ryanair "concordare con le altre classi professionali" della compagnia e si chiede "a cos'altro dovrebbe rinunciare il personale di cabina? I suoi diritti sono sanciti dalla legge portoghese", si legge nella dichiarazione. Inoltre, lo SNPVAC accusa la compagnia aerea irlandese a basso costo di "continuare a brindare a noi con le sue pretese di mancanza di rispetto per il paese e le sue leggi".

Il 5 dicembre, in una risposta scritta a Lusa, Ryanair ha deplorato il fatto che l'SNPVAC non abbia raggiunto un accordo con la compagnia aerea, affermando che, per questo motivo, ha dovuto procedere verso un licenziamento collettivo.

"Il 13 novembre, dopo intense trattative, Ryanair ha firmato un accordo con SNPVAC", ha detto la compagnia aerea in questa risposta, aggiungendo che "purtroppo l'accordo firmato non è stato accettato dai membri del sindacato" per cui, "di conseguenza", devono "occuparsi dell'attuale eccesso di personale di cabina, andando avanti con un licenziamento collettivo". L'SNPVAC attende però la nomina di un'udienza richiesta dal ministro delle Infrastrutture, Pedro Nuno Santos, per denunciare quello che classifica come "autentico attacco ad una classe", nonché "la totale collusione delle istituzioni regionali e nazionali di questo Paese, che permettono ad un'azienda che calpesta costantemente la legge, di ottenere incentivi e sussidi, danneggiando così le aziende nazionali che rispettano la legge".




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.