Più di 350 persone vivono per strada a Lisbona

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 28-12-2020 18:00:00 · 0 Commmenti

Più di 350 persone vivono attualmente per le strade di Lisbona, 140 delle quali sono state rese senza tetto nell'ultimo anno.

Secondo una nota dell'ufficio del consigliere comunale responsabile dell'area dei diritti sociali, Manuel Grilo, l'ultimo conteggio effettuato dagli enti coinvolti nella risposta alla popolazione senza fissa dimora della città di Lisbona indica "un totale di 356 persone senza fissa dimora (che vivono per strada)".

La maggior parte dei senzatetto sono uomini, 309, e 46 sono donne. Nei dati diffusi dal comune, il genere di una delle persone appare identificato come "altro".

Secondo i dati diffusi, l'età media dei senzatetto è di 47 anni, di cui 356, circa la metà (146) tra i 46 e i 60 anni e 112 tra i 31 e i 45 anni.

Uno dei senzatetto ha più di 81 anni e sei hanno tra i 71 e gli 80 anni. Quaranta persone senza fissa dimora hanno un'età compresa tra i 20 e i 30 anni, 112 hanno un'età compresa tra i 31 e i 45 anni e uno ha più di 18 anni e meno di 20 anni. Non è stato possibile determinare l'età di 11 persone.

Per quanto riguarda il luogo di nascita, 92 persone sono di Lisbona, 79 di altri comuni, 23 di paesi dell'Unione Europea, 46 di paesi africani di lingua portoghese, 7 del Brasile e 39 di altri paesi, e non è stato possibile accertare la naturalezza di 70 persone.

Per quanto riguarda il tempo in cui la gente vive per strada, 21 persone sono senza casa da oltre 10 anni, 39 sono per strada da più di cinque anni e 111 da più di un anno.

Delle 140 persone che sono rimaste senza casa negli ultimi 12 mesi, 28 sono rimaste in strada per meno di 30 giorni, 69 per meno di sei mesi e 43 tra sei mesi e un anno. Non si sa da quanto tempo 45 persone sono in strada.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.