Il 30% delle donne subisce abusi durante il parto

in Notizia · 02-01-2021 08:00:00 · 0 Commmenti

Tre donne su 10 intervistate in uno studio sull'esperienza del parto hanno dichiarato di essere state vittime di abusi, mancanza di rispetto e discriminazione, e gli interventi non consensuali sono la forma più ricorrente di tali violenze.

Promossa dall'Associazione portoghese per i diritti delle donne in gravidanza e parto (APDMGP), la seconda edizione dell'indagine "Esperienze di parto in Portogallo", ha analizzato il periodo 2015-2019, secondo i dati a cui Lusa ha avuto accesso.

L'obiettivo era quello di "conoscere le esperienze delle donne in termini di caratteristiche del parto e di soddisfazione personale con esso, nonché le eventuali situazioni di abuso o di mancanza di rispetto che possono essere state vissute nel suo corso".

Il questionario ha ottenuto 7.555 risposte e testimonianze valide da donne che hanno avuto uno o più figli in questo periodo. Più della metà del campione ha un'età compresa tra i 30 e i 39 anni, seguita dalla fascia di età 20/29 anni.

Le principali conclusioni dell'indagine sono che "maggiore è la sensazione di controllo delle donne sulla loro esperienza di nascita, maggiore è la loro soddisfazione".

Secondo l'APDMGP, delle 7.555 nascite, il 69 per cento era vaginale e il 31 per cento a parto cesareo.

Solo il 52,8 per cento degli intervistati che hanno avuto un parto vaginale ha dichiarato di avere libertà di movimento durante il travaglio.

"Gli intervistati con un parto cesareo intrapartum erano i meno soddisfatti della loro esperienza e si sentivano più condizionati nell'esprimere la loro opinione, meno coinvolti nel processo decisionale, meno sostenuti dal team, meno fiduciosi", ha detto l'associazione in un comunicato.

Secondo l'indagine, "circa il 50,30 per cento delle donne che hanno detto di aver avuto un parto vaginale senza l'uso di pinze o ventose, mentre il 28,50 per cento" ha detto di aver usato questi meccanismi.

Circa 2.820 donne hanno detto che la loro gravidanza era a rischio (37%), ma solo 2.746 hanno identificato i fattori che hanno valutato questo rischio.

Circa il 78 per cento ha detto che il diritto al follow-up durante il parto è stato per lo più rispettato. Il partner (81,80 per cento), l'infermiera specializzata (76,20 per cento) e l'ostetrica (62,54 per cento) sono state le presenze più frequenti.

L'associazione sottolinea che "attualmente, in Portogallo, questa non è una realtà" a causa della pandemia.

La stragrande maggioranza degli intervistati concorda sul fatto di aver potuto osservare il proprio bambino dopo la nascita e che questo momento corrispondeva alle loro aspettative.

Circa il 62% dice che la loro nascita non è stata indotta, contro il 37,6% che dice che lo è stata, ma "un numero importante" dice di non essere sicuro se la loro nascita è stata indotta o meno.

Per la maggior parte degli intervistati, il parto ideale è vaginale, senza dolore, spontaneamente iniziato e assistito da professionisti di loro scelta.

"Accanto all'avanzamento della pandemia, stiamo vivendo una vera e propria pandemia di abusi, mancanza di rispetto e violenza contro le donne, con un aumento esponenziale delle violazioni dei diritti delle donne in tutto il mondo", avverte l'associazione.

Per l'APDMGP, "più che mai è importante garantire il rispetto dei diritti delle donne e delle raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità", sottolineando che "la violenza contro le donne è la più diffusa violazione dei diritti umani nel mondo".



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.