Chiamate per vietare i veicoli a combustibile fossile dal 2035

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 08-01-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Il progetto di legge basato sul clima del partito PS chiede il divieto di vendita di veicoli leggeri alimentati a combustibile fossile entro il 2035 e la fine dei benefici fiscali sui combustibili fossili entro il 2030.

Questi sono alcuni degli obiettivi delineati nel disegno di legge sul clima presentato dal gruppo parlamentare del PS e che sarà discusso in plenaria in seno all'Assemblea della Repubblica in collaborazione con il Partito PAN.

In una conferenza stampa, il vicepresidente della panchina socialista, Hugo Pires, ha sottolineato che nel settore dei trasporti e della mobilità, il progetto mira ad estendere la rete di trasporto pubblico in tutto il paese, non limitatamente alle principali città, e che, a partire dal 2035, dovrebbe essere vietato vendere in Portogallo veicoli leggeri alimentati esclusivamente da combustibili fossili.

Avendo al suo fianco i deputati socialisti Alexandre Quintanilha, Nuno Fazendae Miguel Costa Matos, Hugo Piresha detto che il PS fornisce benefici fiscali «per coloro che presentano risparmi in acqua il consumo e la separazione dei rifiuti. Il nostro obiettivo è orientarsi verso un'agricoltura a basse emissioni di carbonio, provvedendo alla sostituzione dei fertilizzanti sintetici con fertilizzanti organici», ha dichiarato Hugo Pires, prima di fare riferimento al capitolo «Green Tassation».

« Entro il 2030, prevediamo la graduale eliminazione del sostegno fiscale sui combustibili fossili, riducendo le tasse sul lavoro, ma aumentando le tasse sulle imprese e sui settori più inquinanti», ha detto.

Hugo Pires ha inoltre cercato di evidenziare la questione del «finanziamento sostenibile», parlando del fondo per la ripresa e la resilienza dell'Unione europea, con un bilancio previsto per il Portogallo di 13 miliardi di euro. «Circa il 40 per cento di questo importo è stato investito nella transizione energetica», ha sottolineato il leader socialista, alludendo al programma Recupero e Resilienza già presentato dal governo. Hugo Pires ha poi sottolineato che il disegno di legge PS «è in linea con lo sviluppo e il benessere dell'Unione europea e la legge europea sul clima recentemente approvata.

»

« Condividiamo l'obiettivo di reindustrializzare l'Unione europea, orientandoci verso un modello di decarbonizzazione più sostenibile delle attività economiche», ha detto.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.