Gli stranieri costituiscono il 6% dei residenti in Portogallo

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 08-01-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Nel 2019 il Portogallo ha superato il marchio di mezzo milione di residenti stranieri, che ora rappresentano quasi il 6 per cento della popolazione del paese, secondo un rapporto dell'Osservatorio delle migrazioni (OM), pubblicato nel dicembre 2020.

« Alla fine del 2018, 480.300 cittadini stranieri hanno risieduto in Portogallo, che rappresentano il 4,7 per cento del numero totale di residenti nel paese, salendo a una cifra senza precedenti di 590.348 stranieri residenti nel 2019, che rappresenta ora il 5,7 per cento del numero totale di residenti in Portogallo», afferma il , ricordando che tra il 2010 e il 2015 c'è stata una diminuzione della popolazione straniera residente, così il paese raggiunge ora «il valore senza precedenti di oltre mezzo milione di stranieri residenti», secondo Lusa News Agency.

I dati sono stati raccolti dall'OM e pubblicizzati nel Rapporto Statistico Annuale — Indicatore di Integrazione degli Immigrati nel 2020, che aggrega 312 indicatori ottenuti da 32 fonti nazionali e 16 internazionali, con riferimento agli anni 2018 e 2019, «per garantire la comparabilità dei informazioni e meglio identificare le tendenze nella situazione degli stranieri residenti in Portogallo, rispetto ai cittadini».

Studenti, pensionati e persone in una situazione di ricongiungimento familiare sono le persone principali che chiedono il visto di soggiorno in Portogallo, con studenti che rappresentano quasi la metà dei 5.565 visti concessi.

« Mantenendo la tendenza degli anni precedenti, è importante individuare che la concessione dei visti di soggiorno ai pensionati assume sempre più importanza, con i pensionati che negli ultimi anni rappresentano più del doppio del numero di visti rispetto ai lavoratori altamente qualificati.

Per quanto riguarda il mercato del lavoro, in Portogallo i cittadini stranieri hanno tassi di attività più elevati rispetto ai cittadini nazionali. Il Portogallo occupa la quarta posizione nell'Unione europea tra i paesi in cui gli stranieri provenienti da paesi terzi hanno un tasso di attività più elevato, che nel 2019 è stato 75,9 per cento, 17 punti percentuali in più rispetto ai portoghesi in quell'anno.

Secondo Lusa News Agency, essi sono più rappresentati in gruppi professionali di base, con posti di lavoro nel settore alberghiero e della ristorazione o nelle attività amministrative e di supporto e hanno stipendi inferiori rispetto ai portoghesi.

« L'inserimento degli stranieri nel mercato del lavoro portoghese continua a non rispecchiare necessariamente le loro qualifiche, in quanto si verifica che i lavoratori stranieri, rispetto ai lavoratori portoghesi, hanno una percentuale più elevata di lavoratori che non utilizzano le loro qualifiche nelle funzioni che esercitano: 2018, l'11,4 per cento degli stranieri con qualifiche superiori (+ 7,7 punti percentuali rispetto ai lavoratori nazionali) è stato incluso nei gruppi di livello professionale della base», afferma il rapporto.

Il documento richiama inoltre l'attenzione sulle condizioni socioeconomiche di alcuni immigrati, con redditi inferiori, posti di lavoro peggiori e maggiore esposizione al rischio di esclusione sociale, che possono influenzare «direttamente l'uso dei servizi sanitari nelle società in cui vivono».


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.