Governo riduce le tasse sui veicoli di seconda mano provenienti dall'UE

scritto TPN/Lusa, in Business · 08-01-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Il bilancio dello Stato ha modificato la formula per il calcolo della tassa sui veicoli applicati alle autovetture di seconda mano importate dall'Unione europea e ha iniziato a prendere in considerazione la componente ambientale per ridurre le imposte a seconda dell'età del veicolo.

Si trattava dell'ISV (Vehicle Tax) relativa alle autovetture importate di seconda mano, che aveva visto le autorità fiscali portoghesi igmorare norme imposte al paese dall'Unione europea. La questione è già stata detenuta alla Corte di giustizia europea (CGCE), su iniziativa della Commissione europea. Questa situazione ha portato il governo a cambiare le regole.

In base al bilancio dello Stato, è stato introdotto un fattore di riduzione della componente ambientale, relativo all'età del veicolo, che dovrebbe ridurre l'imposta finale che deve essere versata da coloro che scelgono di importare veicoli di seconda mano dall'Unione europea.

L' ISV ha due componenti, uno per quanto riguarda la capacità del cilindro e l'altro con la componente ambientale. Tuttavia, secondo la legge portoghese precedentemente in vigore, la riduzione dovuta all'età incide solo sulla componente di capacità del cilindro, lasciando fuori la componente ambientale. Ciò fa sì che il prezzo finale aumenti a volte, il che porta ad aumenti molto più elevati del valore effettivo di mercato e influisce fortemente sulle importazioni.

Pertanto, soprattutto, provoca una disparità di trattamento delle automobili provenienti da altri paesi europei, che viola i trattati europei. Quindi, queste vetture che hanno pagato il 100 per cento della componente ambientale, come se fossero auto nuove, stavano riducendo il numero di persone che volevano acquistare un'auto di seconda mano da altri paesi dell'UE, come previsto.

L' introduzione di questa riduzione dell'ISV nella componente ambientale è la risposta del governo alla condanna di Bruxelles, che ha accusato il paese di discriminare i veicoli importati da altri paesi europei. Per questo motivo, diversi contribuenti hanno chiesto ai tribunali di essere rimborsati per gli importi versati per l'importazione di queste auto, quasi tutti hanno vinto le rispettive cause legali.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.