Lavoratori giovani e poco qualificati colpiscono duramente

scritto TPN/Lusa, in Business · 08-01-2021 18:00:00 · 0 Commmenti

Secondo la Banca centrale europea (BCE) il calo dell'occupazione osservato fino alla fine del primo semestre dello scorso anno, in particolare i lavoratori precari, vale a dire le persone più giovani e meno qualificate.

« Il calo dell'occupazione è stato più forte per i lavoratori temporanei, i lavoratori più giovani e poco istruiti» fino al giugno 2020, periodo di maggiore impatto della pandemia covid-19, si legge in un articolo pubblicato dalla BCE nel suo Bollettino economico.

Secondo il documento, l'occupazione «di lavoratori con un alto livello di istruzione era praticamente inalterata dalla pandemia, mentre i lavoratori con un basso livello di istruzione hanno visto un calo del loro impiego».

« Allo stesso modo, i giovani lavoratori sono stati colpiti in modo sproporzionato rispetto ai lavoratori più anziani. Anche l'occupazione è diminuita più per le donne che per gli uomini, anche se la differenza è relativamente piccola», leggi l'articolo scritto dagli economisti Robert Anderton, Vasco Botelho, Agostino Consolo, António Dias da Silva, Claudia Foroni, Matthias Mohr e Lara Vivian.

Nei grafici presenti nel documento, si può vedere che rispetto al quarto trimestre del 2019, in termini di livello di istruzione dei lavoratori, quelli con un livello basso sono diminuiti di oltre il 7 per cento, quelli con una media superiore al 4 per cento, con un livello di istruzione leggermente aumentato l'occupazione, ma al di sotto di 1 per cento.

Nello stesso periodo, l'impatto del calo dell'occupazione è stato più noto nei giovani tra i 15 e i 24 anni (oltre il 12%), seguito dalla fascia di età compresa tra i 25 e i 49 anni (quasi il 4%) e tra i 50 e i 74 anni (meno dell'1%).

Per tipo di occupazione, i lavoratori temporanei hanno visto diminuire la loro occupazione di quasi il 18 per cento, mentre i lavoratori dipendenti l'hanno visto diminuire del 4 per cento e i lavoratori autonomi l'hanno visto diminuire di meno dell'1 per cento.

In totale, la BCE riferisce che «nel secondo trimestre del 2020 c'erano 5,2 milioni di persone occupate in meno rispetto alla fine del 2019, con un calo del 3,2 per cento».



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.