Il 2020 è stato l'anno più caldo in Europa

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 10-01-2021 18:00:00 · 0 Commmenti

Il 2020 è stato l'anno più caldo della storia d'Europa e a livello globale ha eguagliato il record del 2016, secondo il rapporto del Programma europeo di osservazione della Terra Copernico.

Il rapporto annuale di Copernico ha concluso che il decennio 2010-202020 è stato il più caldo della storia, chiudendo il 2020 con un aumento di 0,4 gradi Celsius rispetto al 2019.

Il rapporto indica anche che le concentrazioni di anidride carbonica nell'atmosfera hanno continuato ad aumentare nell'ultimo anno ad un tasso di circa 2,3 particelle per milione (ppm) con un picco di 431 ppm durante il mese di maggio.

L'anno 2020 è stato 0,6 gradi centigradi più caldo della media tra il 1981 e il 2010 e circa 1,25 gradi sopra il periodo preindustriale del 1850-1900.

Secondo queste osservazioni, il maggiore aumento annuale della temperatura rispetto alla media del 1981-2010 si è concentrato nell'Oceano Artico e nel nord della Siberia, raggiungendo oltre 6 gradi Celsius sopra la media.

La stagione degli incendi boschivi nella regione artica è stata estremamente attiva, con incendi registrati per la prima volta a maggio e che sono proseguiti per tutta l'estate e persino in autunno.

Di conseguenza, gli incendi del Circolo Polare Artico hanno rilasciato il record di 244 milioni di tonnellate di anidride carbonica nel 2020, più di un terzo in più rispetto al record del 2019, aggiunge il rapporto Copernico.

Durante la seconda metà dell'anno, il ghiaccio artico è stato significativamente al di sotto della media in quel periodo dell'anno, con il tratto di ghiaccio marino più breve registrato in luglio e ottobre.

In generale, l'emisfero settentrionale ha avuto temperature superiori alla media nel corso del 2020, mentre alcune parti dell'emisfero meridionale hanno registrato temperature inferiori alla media, soprattutto nel Pacifico Equatoriale Orientale, associato a condizioni più fredde, che si sono sviluppate durante la seconda metà dell'anno.

A loro volta, gli incendi del 2020 nell'Artico e in Australia rappresentano solo una piccola frazione delle emissioni globali di fuoco.

"Anche se le concentrazioni di anidride carbonica sono aumentate leggermente meno nel 2020 che nel 2019, questo non è un motivo per festeggiare. Fino a quando le emissioni globali non saranno ridotte a zero, l'anidride carbonica continuerà ad accumularsi e a guidare il cambiamento climatico", ha detto Vincent-Henri Peuch, direttore del Copernicus Atmosphere Watch Service.

Nel contesto della pandemia di Covid-19, il sistema integrato di osservazione del carbonio (Integrated Carbon Observation System) ha stimato che nel 2019 c'è stata una riduzione di circa il 7% delle emissioni di anidride carbonica dovute al consumo di combustibili fossili a causa del generale declino della mobilità.

Il progetto Copernicus, un'iniziativa dell'Unione Europea in collaborazione con l'Agenzia Spaziale Europea, ha lo scopo di osservare l'ambiente per comprendere meglio i cambiamenti ambientali che avvengono sulla Terra.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.