Portoghesi che probabilmente lavoreranno in un altro paese dell'UE

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 10-01-2021 14:00:00 · 0 Commmenti

Secondo un rapporto della Commissione Europea, il Portogallo è stato uno dei cinque paesi dell'Unione Europea (UE) da cui nel 2019 sono partiti più lavoratori per un altro Stato membro, per altri paesi come Francia e Germania, la maggior parte dei quali altamente qualificati.

In questione è il Rapporto annuale sulla mobilità del lavoro intra-UE 2020, basato sugli ultimi dati statistici disponibili, che afferma che "Romania, Polonia, Italia, Portogallo e Bulgaria hanno continuato ad essere i primi cinque Paesi di origine" dei lavoratori nel 2019. In particolare, questi cinque Stati membri sono stati, in quell'anno, "l'origine del 58% delle persone in mobilità" che lavorano per un altro Paese dell'UE.

Il Portogallo è anche menzionato nel rapporto come uno dei principali Paesi di origine dei lavoratori altamente qualificati, provenienti da settori come l'economia e l'amministrazione, la scienza e l'ingegneria o l'insegnamento.

"Il gruppo di lavoratori altamente qualificati [nella mobilità del lavoro] rispetto a quelli altamente qualificati nel paese di origine è più alto tra i rumeni (22%), i bulgari (13%), i portoghesi (10%) e i polacchi (8%)", si legge nel documento.

Per i principali Paesi di destinazione dei portoghesi in mobilità del lavoro nell'UE, si tratta di Francia, Germania e Spagna. In questa lista c'è anche il Regno Unito, che ha lasciato l'Unione Europea alla fine di gennaio 2020. In tutto, nel 2019, c'erano 17,9 milioni di cittadini europei in mobilità lavorativa in un altro Paese dell'UE, di cui 13 milioni in età lavorativa (20-64 anni), secondo il rapporto, che cita i dati dell'ufficio statistico, Eurostat. Ciò significa che la mobilità del lavoro ha continuato a crescere nel 2019, ma a un ritmo più lento rispetto agli anni precedenti (rispetto ai 17,6 milioni del 2018).

La Commissione Europea osserva che "le persone in età lavorativa hanno maggiori probabilità di spostarsi all'inizio della carriera", e che "la probabilità di spostarsi diminuisce con l'età". "Con la diminuzione della popolazione più giovane anche nei paesi di origine, questo può portare a una diminuzione dei flussi di mobilità", ha detto l'istituzione nel rapporto.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.