Covid-19: Il Regno Unito ha registrato la più alta mortalità dalla seconda guerra mondiale

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 12-01-2021 17:29:00 · 0 Commmenti

Il Regno Unito ha registrato il più alto tasso di mortalità annuale dalla Seconda Guerra Mondiale al 2020 a causa della pandemia di covide-19, secondo i dati pubblicati oggi dall'istituto britannico di statistica, l'Ufficio Nazionale di Statistica (ONS).

I dati provvisori tra il 3 gennaio 2019 e il 1° gennaio 2021 indicano 613.197 decessi in Inghilterra e Galles, il 14 per cento in più rispetto alla media quinquennale precedente (537.579). La BBC ha calcolato che, sommando alle cifre della Scozia e dell'Irlanda del Nord, pubblicate in parte, la cifra complessiva per il Regno Unito è vicina a 697.000 morti, con un eccesso di 91.000 morti, equivalente a un aumento del 15%, il più grande aumento in un periodo di 12 mesi dal 1940.

Le cifre sono ancora provvisorie perché c'è un ritardo tra i decessi e la loro registrazione, che può influire sui dati di fine dicembre, ma confermano un aumento significativo dell'eccesso di mortalità nel 2020 che è stato osservato solo prima nel 1918, a causa della pandemia dell'"influenza spagnola", e poi nel 1940, poco dopo l'inizio della seconda guerra mondiale. L'eccesso di mortalità equivale a tutti i decessi registrati in un anno e confrontato il valore con la media degli ultimi cinque anni, essendo considerato il miglior indicatore per valutare l'impatto sulla mortalità perché include i decessi che possono essere stati una conseguenza indiretta della pandemia, come la mancanza di cure mediche o problemi socio-economici.

Richard Murray, direttore del King's Fund, un istituto di ricerca specializzato in questioni sanitarie, ha commentato che il Regno Unito ha uno dei tassi di mortalità in eccesso più alti al mondo per milione di abitanti. "In una pandemia, gli errori costano vite umane. Le decisioni di andare in isolamento sono state lente e il governo non ha imparato dagli errori del passato o dalle esperienze di altri paesi. Come molti paesi, il Regno Unito era mal preparato a questo tipo di pandemia", ha detto, citato dalla BBC. Il governo britannico è stato criticato per non aver dichiarato prima la decisione di andare in isolamento nel marzo 2020 per fermare la diffusione del coronavirus e lo stesso è accaduto con l'attuale confinamento, iniziato la scorsa settimana dopo il periodo di Natale festivo. Secondo gli ultimi dati ufficiali, il Regno Unito ha contato 81.960 morti di persone infette dall'inizio della pandemia, ma il tasso di equilibrio sale a 82.624 quando si aggiungono i casi i cui certificati di morte si riferiscono al nuovo coronavirus come fattore contributivo.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.