Un punto di svolta nel campeggio selvaggio

scritto Paula Martins, in Notizia, Comunità, Stile di vita · 15-01-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Le nuove regole sul campeggio selvaggio significano che i campeggiatori dovranno trovare un sito ufficiale dove soggiornare.

Ogni anno il Portogallo, soprattutto in zone come la Costa Vicentina, riceve centinaia di persone che scambiano il comfort di un hotel con quello di una roulotte.

Molti di questi campeggiatori ammettono che non amano andare nei campeggi legali e che ci sono molte ragioni che contribuiscono a questa decisione, tra cui la mancanza di campeggi legali, di denaro e di libertà, sono solo alcune di esse. Tuttavia, questa libertà sta per finire.

Il 9 gennaio 2021 è entrata in vigore una nuova regola per modificare il codice della strada, che oltre a proteggere le regole del traffico, proibisce sottilmente il campeggio al di fuori dei campeggi autorizzati, come indicato nell'articolo 50ºA del decreto legge n.º 102-B/2020.

Questa nuova sentenza ha suscitato una notevole quantità di critiche sia da parte di chi approva norme più severe, sia da parte di chi sostiene la libertà di campeggiare in libertà.

I rifiuti lasciati a terra, l'eccesso di rumore e l'inquinamento generale sono alcune delle lamentele sui campeggiatori che possono essere collegate all'origine di questo nuovo divieto. Attualmente, nel bel mezzo di questo scenario pandemico, molti si aspettavano un peggioramento.

A causa della pandemia, nel mese di maggio sono state adottate misure più restrittive con il decreto legge n.º 24/2020 del 25 maggio che regola l'uso e l'accesso alle spiagge, nel contesto della pandemia. Quindi, da quella data, era già stato vietato alle persone di soggiornare in roulotte o simili nelle aree di parcheggio vicino alle spiagge.

Andreia Pereira e Luís Pina, una coppia portoghese che viaggia e lavora a tempo pieno nella loro roulotte, che nel loro Travel Inspire Project, divulgano il loro stile di vita a chi li segue, confessano di aver già raccolto la spazzatura lasciata da altre persone. Ma sono assolutamente contrari a questa nuova regola: "Il Portogallo non è ancora preparato a questa nuova legislazione, senza infrastrutture e condizioni sufficienti per poter avere alternative per chi ha questo stile di vita o è un utente di roulotte", hanno detto, deplorando che non tutti sanno dare l'esempio.

Questa rivolta contro i campeggiatori esiste perché alcuni di loro "pregiudicano la popolazione locale, l'ambiente e gli agenti economici che hanno investito in spazi autorizzati per ospitare le roulotte", hanno detto Andreia Pereira e Luís Pina.

D'altra parte essi "ritengono che si debbano mettere in atto misure più severe, come la necessità di maggiori ispezioni nelle aree colpite, l'applicazione di multe e azioni di sensibilizzazione", ma è più economico proibire che ispezionare.

La coppia ricorda che nel 2020 si è registrato un aumento degli utenti: "C'erano molti turisti in roulotte, anche persone che affittavano roulotte per le vacanze, perché ritengono che in realtà sia il modo più sicuro per viaggiare in tempi di pandemia. Questo aumento del numero di campeggiatori, ha causato disordini che hanno portato a una rivolta da parte della popolazione locale e dei comuni, e di conseguenza sono state create ulteriori restrizioni nelle zone più colpite".

Il cambiamento principale, secondo la coppia, è che: "Ora, oltre a vietare il parcheggio e la sosta presso le spiagge e i luoghi segnalati come non autorizzati, vieta anche il pernottamento in qualsiasi parcheggio su tutto il territorio che non sia espressamente destinato alle roulotte, cioè i campeggi Aree diservizio per roulotte (ASAS) e i luoghi segnalati per le roulotte".

Quali sono le alternative?

I Comuni, se vogliono continuare ad accogliere questi turisti, devono adeguarsi alla nuova normativa vigente creando infrastrutture e legalizzandole come espressamente autorizzate ad accogliere roulotte. Questo è quanto sta accadendo a Moura, dove sono già in atto progetti per una nuova area per il campeggio.

Il Consiglio di Moura ha approvato un progetto per l'area di servizio roulotte di Aldeia da Estrela. Secondo il sito web della Planicie da Estrela, questo spazio avrà "cinque posti per roulotte, in uno spazio dotato di infrastrutture per le telecomunicazioni, energia, acqua e fognature, controllo degli accessi e wi-fi".

Nel frattempo la coppia, che gira in continuazione, ha detto a The Portugal News che: "Sarà un nuovo adattamento e un modo diverso di viaggiare". Viaggiamo lentamente, ci piace soprattutto l'interno del Portogallo, ma con i nuovi divieti siamo costretti a cercare luoghi destinati alle roulotte, che ci costringeranno anche a fare più chilometri alla ricerca di questi luoghi". La cosa peggiore che fanno notare è la mancanza di infrastrutture - l'esistenza di pochi campeggi legali all'interno del Paese richiederà di percorrere molti chilometri per trovarne uno.

Al momento si stanno creando molte petizioni per fermare l'avanzata di questa regola, che molti ritengono negativa per l'economia, in quanto il Portogallo non è più un paese attraente per questo gruppo target. Queste petizioni avrebbero bisogno di 2.500 firme di cittadini per raggiungere il Parlamento e per essere analizzate dalla commissione parlamentare competente.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.