Fermare la mente per una vita produttiva

scritto Paula Martins, in Stile di vita, Notizia · 15-01-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Forse te lo sei già chiesto un paio di volte: È possibile controllare la nostra mente e astrarre noi stessi dai nostri pensieri quotidiani?
Se è così, come possiamo tenere lontani i nostri pensieri stressanti?

Non abbiamo mai avuto una popolazione che abbia sofferto tanto di stress, ansia e depressione. Associato a ciò, il burnout è un problema sempre più comune, e abbiamo anche sentito dire che le malattie fisiche possono derivare dalla nostra condizione mentale. Infatti, che ci piaccia o no, chi è in grado di controllare la propria mente ha più possibilità di avere successo, nel lavoro, nelle relazioni personali e nella capacità di risolvere i problemi e di lottare per gli obiettivi. Qualunque sia la ragione - che potrebbe essere una delle tante - vale la pena imparare ad avere il controllo su noi stessi, in una società che non sempre ci insegna a fermarci.

Probabilmente hai già sentito di pensare troppo, quasi come se stessi lottando contro i tuoi stessi pensieri. Alcune persone lottano con questo tipo di sentimenti. A loro volta, alcuni autori ritengono che questo stato costante dello spirito possa causare più che stress e malessere; può persino portare a malattie fisiche, come il cancro. Questa è l'opinione di Muz Murray, autore di Never Mind the Mind e di molte altre edizioni in cui parla di esperienza di vita, nella sua prospettiva di mentore spirituale e di Mantra Yogi.

Per lui, "La malattia è fondamentalmente un caso di non essere chi sei". Questo significa che il nostro corpo sa di cosa ha bisogno, ma noi rifiutiamo sempre questo messaggio a causa delle "circostanze e delle esigenze della situazione in cui ci si trova".

Nonostante ciò, è possibile vivere senza pensare secondo Muz Murray. In realtà, l'abbiamo già sperimentato quando eravamo più giovani. In tenera età, fino a tre anni, nessuno ha un "senso di individualità mentale". Da adulti, l'autore ha detto che possiamo tornare a una condizione simile, ma questa volta con consapevolezza. Quindi, "quel pensiero spontaneo e libero che nasce dalla Fonte Originale come e quando necessario", dice.

Uno studio dell'Università di Cambridge, pubblicato su Brain and Behavior Journal nel giugno 2016, conferma che le persone in Europa occidentale e in Nord America hanno più probabilità di soffrire di ansia rispetto a quelle di altre culture. Lo studio ha anche scoperto che la probabilità che le donne soffrano di ansia è quasi il doppio di quella degli uomini.

Come possiamo controllare la nostra mente?
Controllare i nostri pensieri non significa che dobbiamo vivere senza pensare tutto il tempo. Ciò che può essere buono per alcune persone, per altre può non essere molto utile. Immaginate un uomo d'affari che non pensa, sembra davvero difficile mantenere l'azienda sana, ma controllare la mente, essere in grado di scollegare e organizzare i pensieri in modo produttivo sembra un ottimo modo per bilanciare le cose.

Per cominciare, Muz Murray fa una distrazione tra "me" e "mente" come cosa che separa, come "la mia casa", "il mio corpo", "la mia mano", "il mio piede" - "sono tutti oggetti separati da me stesso". Ma va oltre: "Non abbiamo bisogno di considerare la mente (statica mentale) come "mia", più che accettare un mal di testa come "possesso"", ha detto. Oltre a questo: "anche senza meditazione, se ci limitiamo a concentrare la nostra attenzione sulla "mente" stessa, cercando la sua fonte di insorgenza, non ci troviamo nulla. È troppo un fantasma", dice.

Muz Murray condivide la sua esperienza, quando a Capodanno ha deciso di rifiutare ogni pensiero inutile: "Per i tre mesi successivi ho lavorato sodo per le mie tattiche di tirare il tappeto, rifiutando di partecipare ai miei "giochi mentali". Ogni volta che saltava fuori un pensiero irrilevante, decidevo: "È solo nella mente e lo lascio andare". Quando mi sono venute in mente cose che dovevo ricordare spontaneamente, le ho subito scritte su una lista, così non c'era bisogno di doverle ripensare".

Un giorno si svegliò in un modo diverso, che descrive come una pura chiarezza e una dolce gioia: "Mi svegliai improvvisamente e trovai che il mio flusso mentale era cessato del tutto. L'infinito dialogo interiore non funzionava più, perché non sentivo più la mia solita pressione mentale".

Tuttavia, questo stato di non pensare non deve essere costante. Quando "mi sono occupato dei dettagli della vendita del mio cottage, sono stato obbligato a studiare i libri di diritto per comporre gli atti. Questo è un compito che spacca la testa nei momenti migliori, e per diversi giorni ho cominciato a sentire il ritorno della "mente" - come un palloncino lontano su una corda che viene lentamente riavvolto su un fuso nella mia testa. Presto sono tornato a una parvenza di "normalità". Da quei giorni, il mio flusso mentale andava e veniva come la marea, così che a volte ero con e a volte senza 'mente'", conclude.

Questa tecnica usata da Muz Murray, è riportata nel suo capitolo Never Mind the Mind, dove spiega come possiamo vivere senza pensieri tossici.

Per ulteriori informazioni su Never Mind the Mind e Muz Murray, visitare il sito www.muzmurray.com.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.