Il nuovo isolamento fa scintille di indignazione in Algarve

scritto Paula Martins, in Algarve, Notizia, Business, Comunità · 15-01-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Gli imprenditori locali dell'Algarve e i residenti hanno protestato contro le misure di blocco che influenzeranno ulteriormente l'economia locale.

"Marcha pela Liberdade", in inglese "Marcha pela Liberdade", è stato un movimento che ha riunito, il 12 gennaio, persone che protestavano contro la nuova serrata che ritengono molto dannosa per l'economia. Urla, fischi e parole di rivolta sono stati sentiti a Vilamoura durante la protesta contro le nuove misure di blocco.

Erano presenti circa 80 persone provenienti da tutto l'Algarve, tra cui proprietari e dipendenti di vari settori economici. Vi hanno partecipato rappresentanti di ristoranti, agenzie immobiliari e parrucchieri, tutti accomunati dal timore di perdere il lavoro, di non poter pagare gli stipendi e, in alcuni casi, dal timore della chiusura totale dell'azienda.

La protesta è iniziata alle 14.30 vicino al parcheggio di McDonalds a Vilamoura, ed è stata seguita da un "go-slow" di auto, accompagnata dalla polizia, fino a Loulé, passando per Quarteira e Almancil. Il "go-slow" prevedeva solo auto e tutte le misure di sicurezza e di allontanamento sociale erano in atto con un massimo di tre occupanti per auto.

Sui cartelloni dei manifestanti si leggeva: "Vogliamo toeat", "Vogliamo lavorare", "Vogliamo la libertà", che era il tema principale della manifestazione, mentre la gente gridava di voler lavorare e non voleva essere costretta a chiudere i battenti.

Sara Santos, una delle fondatrici del movimento, ha detto: "All'origine di questa protesta c'è l'indignazione per la chiusura di una regione come l'Algarve, con così pochi casi. In termini di mortalità abbiamo un tasso di mortalità dello 0,02 qui in Algarve, non ha senso chiudere con un tasso così basso. Vogliamo davvero essere liberi di lavorare, di uscire a pranzo, di prendere le necessarie misure di distanziamento sociale e di usare le maschere".

António Diogo, Bruno Fraga, rappresentante dell'Associação dos Empresários por Quarteira ha dichiarato: "Gli imprenditori non hanno avuto alcun sostegno durante l'ultima chiusura, gli aiuti sono arrivati, sono arrivati troppo tardi e le aziende che sono riuscite a sopravvivere dall'estate ad oggi rischiano di chiudere. Durante il primo blocco le aziende hanno avuto perdite tra il 60 e il 90 per cento".

In alternativa al blocco totale, i manifestanti "ritengono che si possa avere un blocco, ma solo in alcune zone del Paese dove c'è il rischio più alto di prendere il virus o per le aziende che possono rappresentare un rischio per la salute o per certe fasce d'età". Quello che siamo sicuri è che quello che si sta facendo ora è già stato fatto in precedenza, e non ha funzionato allora".

Sónia, un'operaia del settore alimentare che partecipava alla protesta, è disoccupata da ottobre e non ha idea di quando finalmente inizierà a lavorare. Inoltre, si rammarica del fatto che le manifestazioni non abbiano avuto un maggiore sostegno da parte dei cittadini: "Penso che dovremmo protestare di più, non so se è perché la gente ha paura, ma dovremmo essere qui in forze per mostrare la nostra disapprovazione".

Nella protesta abbiamo trovato anche giovani che si sono uniti al movimento per far sentire la loro voce. È stato il caso di Sandro, che quando è venuto a conoscenza della manifestazione, ha voluto aderire automaticamente: "Le malattie sono una costante della vita, purtroppo, e molti non hanno una cura e questa sarà un'altra che richiederà anni per trovare una cura", ha detto.

Sandro, 28 anni, ha anche un appello ad altri giovani: "Speriamo di avere più giovani che si uniscano a noi". A volte la gente reagisce solo quando si sente ferita, per fortuna ho lavorato e ricevuto il mio stipendio, ma non vedo l'ora di non riceverlo per iniziare a preoccuparmene. La maggior parte delle persone se ne sta semplicemente seduta sul proprio divano, non risolviamo nessun problema sui social media, risolviamo i problemi nel venire, nel parlare e nel cercare di raggiungere qualcuno che ha potere decisionale".



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.