Navigare letteralmente

scritto Jake Cleaver, in Navigare, Comunità, Stile di vita, Sport, Notizia · 15-01-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Questa sarà probabilmente l'unica volta che riuscirò a presentare qualcosa nella sezione surf.

Per quanto mi piaccia l'idea di essere un tutt'uno con gli elementi e di cavalcare la superficie di un'onda che si muove maestosamente su e giù intagliando forme bellissime nella parete dell'acqua, prima di sparare in aria (magari facendo un piccolo salto mortale per ottenere punti stile extra), ahimè, non funziona mai in questo modo.

In tutte le mie eccitanti incursioni nell'oceano, tutto quello che riesco a fare è remare con entusiasmo per cercare di catturare onda dopo onda e farmi svuotare e passarmi accanto fino a quando, alla fine, proprio mentre inizio a disperare "Ne ho preso uno! Oh aspetta... no... forse mi ha preso". Mi butto subito in picchiata e l'oceano procede a lanciarmi come un'insalata di frutta fino a quando, finalmente, decide di sputarmi a riva. Poi rinvigorito (o lo chiamiamo felice di essere vivo?) e con la sabbia OGNI volta uscivo e rifacevo tutto da capo. Questo non si può certo definire surfing, e una descrizione più precisa sarebbe "riuscire a non affogare mentre si è attaccati a una tavola da surf" e, probabilmente in modo abbastanza sensato, recentemente ho scelto di lasciarlo a persone che sanno quello che fanno.

Tuttavia, questo non significa che non possa continuare a sognare e a vivere indirettamente guardando documentari sul surf e leggendo libri. E di questo, signore e signori, è di questo che volevo parlarvi. Qualche anno fa ho letto un bellissimo libro sul surf, ed era scritto così bene che ti porta nel mondo del surf e le parole ti danno un assaggio di come deve essere ballare con Poseidone e flirtare con l'insondabile furia del mare.

Il libro si chiama "I giorni dei barbari". È un libro di memorie di un surfista di nome William Finnigan e racconta la sua vita di quando è cresciuto facendo surf in California e alle Hawaii, e poi è andato a caccia dell'"onda perfetta" nel Pacifico del Sud, in Australia, in Asia, in Africa e oltre. È davvero ben scritto e ho pensato di condividere con voi i miei piccoli paragrafi preferiti che, sfogliandolo di nuovo, ho visto che avevo evidenziato.

Questo primo pezzo che ho segnato è stato scritto all'inizio, quando si è trasferito alle Hawaii, e sta cercando nervosamente di trovare il suo posto nella "line up" e sta cercando di individuare i talenti locali:
"Giorno dopo giorno, Glenn Kaulukukui era il mio surfista preferito. Dal momento in cui ha preso un'onda, scivolando come un gatto ai suoi piedi, non riuscivo a distogliere lo sguardo dalle linee che disegnava, dalla velocità che in qualche modo trovava, dalle improvvisazioni che faceva. Aveva una testa enorme, che sembrava sempre leggermente lanciata all'indietro, e capelli lunghi, rossi sbiancati dal sole, anch'essi lanciati lussureggianti all'indietro. Aveva labbra spesse, aspetto africano, spalle nere, e si muoveva con un'eleganza insolita. Ma c'era qualcos'altro - chiamatelo spirito, o ironia - che accompagnava la sua sicurezza fisica e la sua bellezza, qualcosa di agrodolce che gli permetteva, in tutte le situazioni, tranne che nelle più impegnative, di sembrare che si esibisse in un'azione intensa e, allo stesso tempo, che ridesse tranquillamente di se stesso".

Più tardi Finnigan scrive di come il surf si differenzia dagli altri sport e anche se lo si fa in gruppo, alla fine si tratta solo di te, della tua tavola e dell'oceano. Mi è piaciuto molto, perché mi piace contemplare l'immensa potenza immortale del blues profondo:

"Ma il surf ha sempre avuto questo orizzonte, questa linea di paura, che lo rendeva diverso da altre cose, certamente da altri sport che conoscevo. Si poteva fare con gli amici, ma quando le onde diventavano grandi, o ci si metteva nei guai, non c'era mai nessuno in giro.

Tutto il resto là fuori si intrecciava in modo inquietante con tutto il resto. Le onde erano il campo di gioco. Erano l'obiettivo. Erano l'oggetto del tuo desiderio e della tua più profonda adorazione. Allo stesso tempo, erano il tuo avversario, la tua nemesi, persino il tuo nemico mortale. Il surf era il tuo rifugio, il tuo felice nascondiglio, ma era anche un deserto ostile, un mondo dinamico e indifferente. A tredici anni avevo per lo più smesso di credere in Dio, ma quello era un nuovo sviluppo, e aveva lasciato un tutto nel mio mondo, una sensazione di essere stato abbandonato. L'oceano era come un Dio indifferente, infinitamente pericoloso, un potere oltre ogni misura"
E, infine, vi lascio con la mia parte preferita, che mi fa quasi venire voglia di andare a provare a rotolare di nuovo nella lavatrice delle meraviglie della marina. Dopotutto, quanto può essere difficile?
"Lo stile era tutto nel surf - quanto erano aggraziate le tue mosse, quanto veloci erano le tue reazioni, quanto ingegnose erano le tue soluzioni ai rompicapi presentati, quanto profonde erano le tue incisioni e quanto pulite erano le tue curve, anche quello che facevi con le mani. I grandi surfisti potrebbero farti ansimare dalla bellezza di ciò che hanno fatto. Potrebbero far sembrare facili le mosse più difficili. Il potere casuale, la proverbiale grazia sotto pressione, questi erano i nostri ideali di beau".




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.