Il Portogallo ha il secondo più alto tasso di laureati in ingegneria nell'UE

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Business · 17-01-2021 14:00:00 · 0 Commmenti

Il Portogallo, con il 20%, ha il secondo tasso più alto nell'Unione Europea (UE) di laureati in "ingegneria, produzione e costruzione", secondo un bollettino pubblicato da Eurostat sotto la Presidenza portoghese del Consiglio dell'UE.

Per far conoscere meglio il Portogallo, l'Ufficio statistico europeo ha pubblicato alcuni dati, basati sul 1° dicembre 2020, sul Paese che detiene la presidenza semestrale del Consiglio dell'UE dal 1° gennaio al 30 giugno.

Oltre al secondo più alto tasso di laureati in ingegneria, il Portogallo è il principale produttore di biciclette dell'UE, il maggiore esportatore di olive e possiede la quarta flotta peschereccia (7.700 imbarcazioni).

Il peso relativo del Portogallo nell'area UE è del 2,2% (92.200 km2), la sua popolazione è del 2,3% (dieci milioni di abitanti) e il suo prodotto interno lordo (PIL) è dell'1,5%.

La "traduzione" del Portogallo in cifre evidenzia anche che il PIL nazionale "pro capite" è di 20.740 euro, il 79 per cento della media UE ('31.160).

Sempre in campo economico, il Portogallo ha un tasso di inflazione medio annuo dello 0,3 per cento (UE 1,4 per cento) e un tasso di investimento del 18,2 per cento (UE 22,1 per cento).

Anche la pressione fiscale, misurata in termini di entrate fiscali in percentuale del PIL, è inferiore in Portogallo (36,8%) rispetto alla media UE (41,1%).

Il Portogallo ha una densità di popolazione di 113 persone per km2, superiore a 109 nell'UE, con una percentuale maggiore della popolazione di età superiore ai 65 anni (21,8 per cento, rispetto al 20,3 per cento dell'UE) e una percentuale inferiore di quella degli under 15 (13,7 per cento, rispetto al 15,2 per cento dell'UE).

Il tasso di disoccupazione giovanile è del 18,3 per cento (UE 15,0 per cento) e il rischio di povertà o di esclusione sociale è del 21,6 per cento (UE 20,9 per cento), mentre il tasso di occupazione per gli uomini è del 79,9 per cento (UE 79,0 per cento) e per le donne del 72,7 per cento (UE 67,3 per cento).

Per quanto riguarda l'istruzione, nonostante i buoni risultati nelle lauree in ingegneria, il tasso di istruzione superiore è del 36,2 per cento della popolazione tra i 30 e i 34 anni (UE 40,3 per cento).

L'abbandono scolastico copre il 10,6 per cento della popolazione tra i 18 e i 24 anni (UE 10,2 per cento).

La spesa per la scienza e la tecnologia è pari all'1,4 per cento del PIL (UE 2,19 per cento) e il tasso di popolazione impiegata in attività industriali ad alta e medio-alta tecnologia è del 3,3 per cento (UE 6,2 per cento).

Le emissioni di gas a effetto serra sono aumentate del 18,9 per cento in Portogallo dal 1990, in contrasto con la media dei 27, che è inferiore del 20,74 per cento, ma il Portogallo ha un contributo superiore alla media delle energie rinnovabili al consumo finale (30,3 per cento rispetto al 18,9 dell'UE).

Tuttavia, la dipendenza energetica - la quota delle importazioni nel consumo di energia - è del 75,6 per cento in Portogallo (58,2 per cento nella media UE).

"È tempo di agire: per una ripresa equa, verde e digitale" è il motto della Presidenza portoghese dell'UE, i cui obiettivi principali sono un'Europa resiliente, verde, digitale, sociale e globale.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.