Il Brasile batte il record di esportazioni di caffè

scritto TPN/Lusa, in Mondo, Business · 19-01-2021 18:00:00 · 0 Commmenti

Il Brasile, il più grande produttore e fornitore mondiale di caffè, ne ha esportato 44,5 milioni di sacchi (di 60 chilogrammi) nel 2020, un volume superiore del 9,4% rispetto al 2019 e un numero record per il Paese, nonostante la pandemia.

I dati sono stati diffusi dal Consiglio degli esportatori di caffè del Brasile (Cecafé) e, in totale, il Paese sudamericano ha ricevuto per la vendita di caffè verde, solubile, tostato e macinato, 5,365 milioni di dollari (4,44 miliardi) lo scorso anno, il 10,3% in più rispetto al 2019.

Secondo il bilancio pubblicato da Cecafé, l'importo ricevuto dal Brasile equivale a circa 29 miliardi di R$, che rappresentano un aumento del 44,1% nella conversione in reais e con cui hanno raggiunto una quota del 5,6% nell'export agroalimentare e del 2,7% nel totale delle esportazioni del Paese.

"A causa della pandemia di covide-19, stiamo attraversando un periodo difficile, ma allo stesso tempo abbiamo avuto uno dei maggiori raccolti e abbiamo chiuso l'anno con un'esportazione di 44,5 milioni di sacchi, battendo un record storico", ha dichiarato il presidente di Cecafé , Nelson Carvalhaes, in una conferenza stampa.

Gli Stati Uniti continuano ad essere la principale destinazione dei cereali brasiliani, con 8,1 milioni di sacchi esportati, pari al 18,3% delle esportazioni. Seguono la Germania, con 7,6 milioni (17,1%), il Belgio, con 3,7 milioni (8,4%), l'Italia, con 3 milioni di sacchi (6,8%) e il Giappone, con 2,4 milioni di sacchi (5,4%). Il Brasile ha più di 2,2 milioni di ettari coltivati a caffè e, degli oltre 264mila produttori, il 72% è costituito da piccoli coltivatori.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.