Presumibilmente qualcuno sperava di guadagnarsi i favori del Cremlino, perché ha menzionato brevemente Navalny per tre quarti del programma di due ore di domenica. Infatti, hanno paragonato il viaggio di Navalny a casa al famoso ritorno in Russia di Vladimir Lenin nel 1917, e hanno suggerito che era un pericolo per la Russia tanto grande quanto lo era stato Lenin.

Come ogni russo sa, i tedeschi hanno strappato Lenin all'esilio in Svizzera nel bel mezzo della prima guerra mondiale. Fu mandato in Germania in un "treno sigillato" (per non diffondere l'infezione del comunismo) a San Pietroburgo, poi nel pieno della prima rivoluzione democratica russa - e fece proprio quello che i tedeschi avevano sperato.

Lenin ha rovesciato l'armeggiante "governo provvisorio" democratico in un colpo di stato militare, ha fatto uscire la Russia dalla prima guerra mondiale - e ha lanciato un regime comunista totalitario di 73 anni che è costato almeno 20 milioni di vite russe in epurazioni, carestie e atti di repressione minori. Navalny è davvero un così grande pericolo?

L'ambizioso presentatore di Vremya probabilmente non otterrà il lavoro che voleva, perché al Presidente Vladimir Putin non sarà piaciuto vedere il suo critico più rumoroso in confronto alla statura di Lenin, una vera e propria figura storica del mondo. Lo stesso Putin non menziona mai il nome di Navalny.

I russi non possono nemmeno dare un nome al sistema in cui vivono, come dimostra la confusione del povero presentatore Vremya. Non è certo una democrazia, anche se ci sono regolari elezioni. Sicuramente non è comunista, anche se la maggior parte degli alti dirigenti del regime erano comunisti prima di scoprire una via migliore per il potere e la ricchezza.

Non è una monarchia, anche se Putin è al potere da vent'anni ed è circondato da una corte di alleati e amici estremamente ricchi. E "cleptocrazia" è solo un termine peggiorativo usato soprattutto dagli stranieri, anche se Navalny si riferisce abitualmente a Putin e ai suoi compagni come "ladri e truffatori".

In realtà, il regime di Putin non è affatto un sistema. La sua unica ideologia è un nazionalismo tradizionale russo che è leggero rispetto ai movimenti religiosi e razzisti del sangue e del suolo come quello di Trump negli Stati Uniti e quello di Modi in India. È un regime puramente personale, ed è molto improbabile che sopravviva alla sua detronizzazione o alla sua scomparsa.

Putin è al potere da vent'anni, e ha appena cambiato la costituzione con un referendum che gli permette di rimanere al potere fino al 2036. Ma questo sembra improbabile, in parte perché ha già 68 anni e in parte perché la generazione più giovane dei russi è sempre più inquieta e annoiata.

Navalny è un uomo coraggioso che è tornato a casa volontariamente per affrontare un incantesimo nelle carceri di Putin. (Ha saltato due appuntamenti per la libertà vigilata per una sospensione condizionale della pena con l'accusa di appropriazione indebita perché si trovava in Germania per riprendersi dal tentativo di assassinio dell'FSB). Ma il suo ruolo nella politica russa era stato finora più gadfly che rivoluzionario.

I suoi sostenitori fanno il loro dovere e realizzano video intelligenti e spiritosi che descrivono in dettaglio gli scandalosi abusi finanziari del regime (l'ultimo è un tour virtuale del nuovo palazzo sul mare di Putin sul Mar Nero, vicino a Novorossiysk, che costa un miliardo di dollari), ma probabilmente non è lui l'uomo che finalmente abbatterà Putin. Quello che sta facendo con grande effetto è mobilitare i giovani esperti di tecnologia.

Dal 2018 l'età media dei manifestanti ai demo anti-Putin, per lo più legati a Navalny in un modo o nell'altro, è scesa di un decennio, e la loro audacia è aumentata in proporzione. Inoltre, il loro atteggiamento nei confronti del regime è ormai al limite del disprezzo. Giustamente: si pensi, ad esempio, agli ultimi due tentativi di assassinio da parte di agenti del regime.

Nel 2018 il GRU, l'agenzia di intelligence militare russa, ha inviato due agenti in Inghilterra per uccidere il disertore Sergei Skripov e sua figlia Yulia. Gli agenti hanno fatto due viaggi a Salisbury perché non riuscivano a trovare la casa giusta, sono stati rintracciati dalle telecamere a circuito chiuso ad ogni passo, e alla fine hanno lasciato troppo poco novichok (veleno per i nervi) sulla maniglia della porta per uccidere i bersagli.

Altrettanto rozzo e maldestro è stato l'attacco dell'FSB a Navalny a Tomsk, dove il novichok è stato messo sulle sue mutande. Ancora una volta, il bersaglio è sopravvissuto, e in seguito il sito investigativo Bellingcat è stato in grado di rintracciare gli agenti dell'FSB che seguivano Navalny su quaranta voli nell'arco di diversi anni prima che l'omicidio fosse tentato.

Né l'agenzia è adatta al servizio del 21° secolo, né il regime che entrambi servono. I russi l'hanno sopportato a lungo perché erano esausti e si vergognavano del selvaggio banditismo politico degli anni Novanta, ma il merito di Putin per aver posto fine a tutto questo è stato esausto. Potrà anche essere ancora al potere per anni, ma questo è un regime sui pattini.