In questa storia, però, c'è qualcosa di più di una sorprendente visione, che la rende una gemma nascosta degna di nota.

Nel 1930, Aleister Crowley, un famoso mago e occultista, finse il proprio suicidio a Boca do Inferno, con l'aiuto del poeta Fernando Pessoa. Pessoa consegnò il biglietto d'addio di Crowley alle autorità, ai media e ai giornali. Stranamente, il mistico è riapparso tre settimane dopo alla sua mostra a Berlino, il che suggerisce che il suo finto suicidio era solo una trovata pubblicitaria. Si dice anche che abbia architettato questo piano per inscenare la propria morte per sfuggire alla sua ragazza, di cui all'epoca era stanco. Il caso è stato forse ispirato dalla morte di Empedocle, che si è gettato in un vulcano.

La strana amicizia di Crowley con Pessoa ha suscitato negli anni molti interrogativi, poiché il mistero di Boca do Inferno rimane per lo più irrisolto. La loro amicizia è durata due anni, con lo scambio di molte lettere e si è conclusa con questo biglietto d'addio. Il misterioso biglietto è stato in realtà riscritto a Boca do Inferno, dove c'è una targa bianca montata sulla roccia che commemora l'evento. Il testo portoghese sulla targa deriva dal biglietto d'addio originale e recita: "Non posso vivere senza di te". L'altra bocca dell'Inferno che mi prenderà non sarà calda come la tua", un'affermazione audace che in realtà si è rivelata una truffa.

Il nome si traduce in "Bocca dell'Inferno" per la sua rara formazione di scogliera scenica. In origine era una grotta marina che è crollata lasciando una voragine e un arco marino. "Bocca dell'Inferno" deriva dal modo in cui le onde dell'oceano si infrangono violentemente contro e dentro la bocca della scogliera e dall'incredibile impatto che le onde hanno. La caratteristica che compone la roccia nella scogliera è di natura gassosa. L'erosione esercitata dall'azione dell'acqua piovana che, contenendo anidride carbonica disciolta, fa sì che il carbonato si dissolva. Attraverso questo processo si formano cavità e grotte all'interno dei calcari ed è abbastanza probabile che il sito fosse un'antica grotta. La "Bocca dell'Inferno" divenne famosa per essere apparsa nel tredicesimo secondo film muto "reality" con il nome di "Una grotta marina vicino a Lisbona" (1896), che mostra le maestose onde che si riversano.

Tuttavia, questa gemma nascosta vale sicuramente la pena di essere visitata per il suo punto di osservazione drammatico per guardare il tramonto. È stato anche un punto di osservazione delle tempeste negli ultimi cento anni. La visita è gratuita, ma è degno di nota il fatto che le scogliere sono pericolose e che il punto panoramico è talvolta chiuso in inverno se c'è brutto tempo perché la gente può essere spazzata via dalla scogliera.

È sicuramente meglio visitarlo in estate perché una giornata di sole e di calma sottolinea la natura idilliaca di questo luogo ed è il luogo perfetto da visitare con la famiglia e gli amici. Boca do Inferno è facilmente raggiungibile e dispone di un ampio parcheggio, quindi è raggiungibile in auto o a piedi, dato che si trova a 20 minuti a piedi dal centro del paese. Ha anche un ristorante di pesce chiamato 'Mar do Inferno' che vanta buone recensioni e ha un'alternativa più economica di un caffè, quindi un posto incantevole per le sue attrazioni e il cibo.

È un luogo magico che testimonia il suo rapporto con l'Atlantico e la sua vicinanza a Lisbona ed è qui che troviamo la maggior parte delle prove geologiche dell'erosione.

Boca do Inferno, ci ricorda la costante battaglia tra terra e mare, mentre le onde si infrangono contro l'arco, unendo misticismo portoghese e conquista marittima.