Covid-19: Il Mediatore europeo indaga sui contratti di acquisto di vaccini

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Mondo · 22-01-2021 17:26:00 · 0 Commmenti

Il Mediatore europeo, Emily O'Reilly, ha avviato oggi un'indagine sui contratti per l'acquisto di vaccini per la covid-19 conclusi tra la Commissione europea e diverse aziende farmaceutiche, a seguito di denunce ricevute da un'organizzazione non governativa (ONG).

L'indagine è finalizzata al rifiuto della Commissione Europea di richiedere l'accesso alle informazioni sui contratti, ma anche a diffondere note di riunioni e corrispondenza, oltre all'identità dei membri del team di negoziazione coinvolti e si basa su un reclamo dell'ONG Corporate Europe Observatory, a cui è stato rifiutato l'accesso alle informazioni sui contratti.

L'indagine della Commissione Europea sui contratti per l'acquisto in blocco di vaccini si basa sull'ONG che ha contestato il rifiuto dell'esecutivo comunitario di fornire informazioni nel settembre 2020 sul precedente acquisto di vaccini, in particolare quello della società farmaceutica AstraZeneca, la prima ad essere firmata.

Emily O'Reilly ha dato tempo fino all'11 febbraio per la risposta dell'esecutivo comunitario. Ha anche sottolineato che "dopo mesi di crescenti pressioni da parte dei parlamentari europei e della società civile, la Commissione ha recentemente adottato alcune misure per migliorare la trasparenza, ma queste si sono rivelate casuali e insufficienti", e ha pubblicato un contratto rielaborato per l'acquisto del vaccino CureVac, mantenendo riservati gli altri cinque.

Secondo una dichiarazione dell'ufficio del Mediatore, "il contratto CureVac dimostra che è stata stipulata la riservatezza dei contratti", rilevando anche che "i lucrosi contratti di acquisto anticipato che si stanno negoziando nell'ombra utilizzerebbero il denaro pubblico per eliminare il rischio finanziario e la responsabilità delle aziende farmaceutiche che sviluppano i vaccini covid-19". Questo, sottolinea, "senza le corrispondenti condizioni di interesse pubblico relative al prezzo e alla disponibilità, nonostante i 2,8 miliardi di euro di denaro pubblico già spesi dalla Commissione per lo sviluppo e gli accordi di acquisto anticipato di questi vaccini". La Commissione europea ha iniziato a negoziare con le aziende farmaceutiche che stavano sviluppando vaccini contro il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 mentre erano ancora in corso le fasi di sperimentazione, con l'intenzione di costruire una capacità di inoculazione più ampia e garantire l'accesso simultaneo a tutti gli Stati membri. L'UE avrà accesso a un totale di 2,3 miliardi di dosi, comprese le dosi ai paesi vicini dei Balcani occidentali a est e a sud del Nord Africa. La pandemia di covid-19 ha causato almeno 2.092.736 morti per oltre 97,4 milioni di casi di infezione in tutto il mondo, secondo un'analisi dell'agenzia di stampa francese AFP. In Portogallo, 9.686 persone sono morte su 595.149 casi confermati di infezione, secondo l'ultimo bollettino della Direzione Generale della Salute.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.