Livelli "preoccupanti" della banca del sangue

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 22-01-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

La Federazione portoghese dei donatori di sangue benevoli (Fepodabes), ha lanciato un appello per le donazioni di sangue, avvertendo che diversi gruppi sanguigni hanno riserve nazionali che dureranno meno di sette giorni.

"Le scorte di sangue nazionali attualmente mostrano livelli preoccupanti in diversi gruppi sanguigni. Anche in caso di pandemia, gli ospedali hanno ancora bisogno di sangue per soddisfare le esigenze dei loro pazienti", ha avvertito la Federazione, esortando i portoghesi a continuare a fare donazioni.

Parlando con l'agenzia di Lusa, il presidente della Federazione ha spiegato che i gruppi A positivo, O negativo e B negativo sono i più preoccupanti perché mancano solo quattro giorni (al 19 gennaio), mentre O positivo, A negativo e AB negativo "sono un po' meglio, ma non buoni".

Alberto Mota ha spiegato che di solito ci sono riserve di sangue per dieci giorni e per quel periodo solo AB positivo è in quella situazione.

"Tradizionalmente in questo periodo dell'anno abbiamo sempre un calo delle donazioni di sangue. A gennaio e febbraio l'inverno, il raffreddore e l'influenza portano sempre via molti donatori. Quest'anno abbiamo la pandemia di Covid-19 e l'isolamento significa che alcune aziende hanno dipendenti che lavorano da casa e questo ha influito sul numero di donazioni", ha detto.

Il presidente della Fepodabes ha anche detto che a causa della pandemia le unità mobili che si spostano nelle grandi città non funzionano, così come ci sono difficoltà nel trovare i posti per le donazioni da fare, cioè le caserme dei pompieri, fintanto che la situazione della Covid-19 continua.

Inoltre, c'è stato un aumento del consumo di sangue.

Secondo i dati messi a disposizione dall'Istituto portoghese per il sangue e i trapianti (IPST) all'indirizzo www.dador.pt, diversi gruppi sanguigni hanno riserve nazionali di meno di sette giorni, un livello considerato preoccupante per soddisfare le esigenze degli ospedali portoghesi.

Il Fepodabes invita tutti i donatori sani, soprattutto i più giovani, a donare il sangue e quindi a contribuire a salvare vite umane, avvertendo che ogni giorno sono necessarie circa mille unità di sangue e che ogni due secondi qualcuno ha bisogno di sangue.

"Donare sangue è sicuro, la donazione di sangue è prevista nelle eccezioni al confino, quindi è molto importante che i portoghesi continuino a contribuire", ha detto Alberto Mota.

Tutti i cittadini di età superiore ai 18 anni, di peso superiore ai 50 kg e in buona salute possono donare il sangue. Informazioni sui siti ufficiali di raccolta del sangue sono disponibili su www.fepodabes.pt e su www.dador.pt.

In un momento in cui molti cittadini hanno paura di recarsi negli ospedali per donare il sangue, Fepodabes ricorda che la raccolta del sangue nelle strutture sanitarie avviene in tutta sicurezza.

Alberto Mota ha detto che in tutti i centri di raccolta del sangue le regole che garantiscono la sicurezza dei donatori sono rigorosamente adottate, nel rispetto delle regole della Direzione Generale della Salute.

Il processo di raccolta del sangue è una procedura rapida, che richiede circa 30 minuti, e può aiutare a salvare diverse persone, in quanto una singola unità di sangue può aiutare fino a tre vite.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.