SEF paga 712.950 euro alla famiglia di un cittadino ucraino

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 23-01-2021 20:00:00 · 0 Commmenti

Il Servizio stranieri e frontiere (SEF) ha versato ai parenti del cittadino ucraino deceduto a marzo all'aeroporto di Lisbona un risarcimento di 712.950 euro, ha annunciato il Ministero dell'Interno.

"SEF, in ottemperanza alla determinazione del ministro dell'Interno, Eduardo Cabrita, ha pagato, in via d'urgenza, il risarcimento agli eredi del cittadino Ihor Homeniuk, a seguito dell'invio del primo ministro António Costa, il 12 gennaio," ha detto il ministero in un comunicato.

Secondo la stessa fonte, le informazioni sul pagamento di questo risarcimento, che è stato fissato dal Mediatore, sono già state comunicate all'avvocato della famiglia del signor Ihor Homeniuk.

"Questo pagamento da parte dello Stato avviene nell'ambito del meccanismo extragiudiziale di natura volontaria, agile e semplice, volto a determinare e pagare rapidamente il suddetto risarcimento per perdite e danni, non pecuniari e patrimoniali, approvato a tal fine dalla Risoluzione del Consiglio dei Ministri, del 14 dicembre", ha detto anche il ministero.

Il signor Meniuk, di nazionalità ucraina, è morto nel marzo dello scorso anno nel centro di detenzione temporanea del Servizio stranieri e frontiere (SEF) dell'aeroporto di Lisbona.

L'inizio del processo per il presunto omicidio di Ihor Homeniuk da parte degli ispettori del SEF è stato rinviato al 2 febbraio, fonte coinvolta nel caso.

Secondo la stessa fonte, il rinvio è dovuto al fatto che uno degli avvocati della difesa è stato infettato dal nuovo coronavirus, che ha portato il collettivo di giudici, presieduto da Rui Coelho, a rinviare l'inizio del processo.

Il processo si è svolto dopo che il deputato ha accusato tre ispettori del SEF dell'omicidio del cittadino ucraino, avvenuto il 12 marzo 2020, presso il Centro di installazione temporanea dell'aeroporto di Lisbona.

Secondo l'atto d'accusa, gli ispettori del SEF sono anche accusati di possesso di un'arma proibita.

I tre ispettori - Bruno Sousa, Duarte Laja e Luís Silva - sono agli arresti domiciliari dal loro arresto del 30 marzo e sono accusati di aver ucciso Ihor Homenyuk dopo che il cittadino ucraino ha tentato di entrare illegalmente in Portogallo il 10 marzo.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.