Una breve storia della carta

scritto Marilyn Sheridan, in Libri, Notizia · 29-01-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Diamo per scontati i prodotti di carta in questi giorni, e molto è fatto con essa - dai giornali e dai libri al rotolo da cucina e persino al denaro.

Ma vi siete mai chiesti come si fa? Legno, vi sento dire, ed è vero, ma è un processo lungo e complicato.

Fondamentalmente, la carta è un foglio sottile prodotto da fibre di cellulosa derivate dal legno, dagli stracci, dalle erbe o da altre fonti vegetali che vengono lavorate in acqua, poi l'acqua viene drenata attraverso una rete sottile, e il foglio risultante viene pressato e asciugato. Al giorno d'oggi, quasi tutto viene prodotto su grandi macchine, alcune delle quali producono bobine di 10 metri di larghezza, con una velocità di 2.000 metri al minuto e fino a 600.000 tonnellate all'anno.

Il processo di fabbricazione della carta è stato sviluppato in Asia orientale, probabilmente in Cina, e si ritiene che la carta abbia giocato un ruolo fondamentale nella prima cultura scritta cinese e abbia avuto immense conseguenze sul mondo del libro.

La prima "carta" non era affatto carta, era pergamena o pergamena che era fatta con il più sottile strato di pelle animale che si possa immaginare, ed era usata in epoca medievale. Per esempio la Magna Carta è su vera pergamena, e anche se la pergamena è usata ancora oggi, ora è fatta di materiale vegetale.

Un'altra vecchia "carta" era il papiro ed era usata nell'Antico Egitto, probabilmente prima della Cina. Era molto forte, fatta di sottili strisce di papiro, ma di consistenza irregolare, specialmente sui bordi, e i ripetuti arrotolamenti e srotolamenti causavano la separazione delle strisce.

Una prima fonte comune di fibre era costituita da fibre riciclate da tessuti usati, chiamati stracci, ed erano fatti di canapa, lino e cotone. Non è stato fino all'introduzione della pasta di legno nel 1843 (che mi sembra abbastanza tardiva) che la produzione di carta non dipendeva dai materiali riciclati dai raccoglitori di stracci. Il termine "straccio" infatti persisteva, ed è un termine un po' dispregiativo per un giornale o una rivista, specialmente uno considerato inferiore o senza valore.

Un processo per rimuovere gli inchiostri da stampa dalla carta riciclata fu inventato da un tedesco chiamato Justus Claproth nel 1774 e oggi questo metodo è chiamato disinchiostrazione. Ma c'è un limite alla frequenza con cui la carta può essere riciclata, perché dopo un tempo relativamente breve le fibre si disintegrano e diventano inutilizzabili.

Con l'avvento della macchina da stampa rotativa a vapore, la carta a base di legno causò una grande trasformazione dell'economia e della società del XIX secolo nei paesi industrializzati. Con l'introduzione di carta più economica, libri e giornali divennero gradualmente disponibili dal 1900 e oggi possono essere trattati o rivestiti con varie materie plastiche per diventare un materiale molto resistente.

In un'epoca in cui ci stiamo preoccupando della de-forestazione, mi sono chiesto personalmente quanto legno ci vuole per fare un libro, e ho provato a cercare su Google la domanda e ho avuto una varietà di risultati. Una stima suggeriva che un albero medio forniva circa 8.333 fogli di carta copiativa.

Usando questa formula, un albero può fornire 16,6 copie di un libro di 1.000 pagine. Questo non è il vostro albero medio, naturalmente, quindi si è supposto che un albero usato nella produzione di carta avesse un quarto di questo. Quando si aggiungono tutti gli altri usi del legno - per i mobili, l'industria delle costruzioni e anche per il combustibile, è un sacco di legno.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.