Campeggiatori che scelgono l'Algarve "sicuro

scritto Cristina da Costa Brookes, in Algarve, Gemme nascoste · 29-01-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

I campeggiatori stanno scegliendo i campeggi in Algarve per rispettare il confinamento imposto a causa della pandemia di Covid-19, alcuni combinando la natura con il lavoro a distanza, mentre evidenziando la sicurezza della regione.

In mezzo agli alberi dell'Eco Camp da Salema, a Budens, nel comune di Vila do Bispo, l'area riservata ai camper ha un'occupazione di più di un centinaio di persone, ma quest'anno non sono solo principalmente turisti in pensione sul sito: "Il nostro sito si rivolgeva principalmente ai campeggiatori anziani dell'Algarve, ma ora è cambiato completamente.

"Ora stiamo accogliendo molte persone di età compresa tra i 40-45 anni, con molti 'nomadi digitali', che lavorano a distanza e altri che vengono al sito per sfuggire ai centri urbani d'Europa e trascorrere l'isolamento nella natura e forse uno dei luoghi più sicuri che esiste", ha detto Joaquim Lourenço, leader dell'Associazione dei Camping Parks Alentejo e Algarve (APCAA).

Questa è la nuova realtà per molti campeggi della regione, dove ora c'è una crescente domanda di "sport di mare come il surf e la pesca subacquea", e dove è possibile "allearsi con la vita nella natura". D'altra parte, l'infrastruttura così spesso ricercata dagli "anziani" presenta una "domanda inferiore", ha aggiunto. Il capo e proprietario di EcoCamp da Salema menziona l'investimento che ha dovuto fare per migliorare la rete di accesso a internet, tale era la ricerca di persone in telelavoro.

Nel marzo dello scorso anno, durante il primo blocco decretato dal governo sotto la pandemia di Covid-19, i campeggi hanno dovuto chiudere, riaprendo solo a metà maggio con una capacità massima di due terzi della loro capacità totale. La scelta dell'inverno per frequentare un campeggio può sembrare strana, ma negli ultimi anni il numero di camperisti che guardano all'Algarve per una stagione invernale è in crescita. Secondo i dati della Commissione di coordinamento dello sviluppo regionale (CCDR) dell'Algarve, nel periodo da ottobre 2018 a marzo 2019 ci sono stati quasi 528.000 pernottamenti per circa 104.000 ospiti nei campeggi e nelle aree di servizio legali della regione.

Per l'ente che gestisce la Rete di Accoglienza Camper in Algarve, questa è solo "una frazione di ciò che sta accadendo nella regione", stimando che "tra camper selvaggi e parchi illegali c'è un movimento almeno uguale, o anche maggiore".

È durante una passeggiata con il suo cane nel parco di Salema che Lusa incontra Johanna August, una giovane turista tedesca che rivela di sentirsi "più sicura" in Portogallo, soprattutto in una zona "molto tranquilla" come quella che ha trovato in questa parte della regione dell'Algarve, dove può stare "nella natura" e uscire facilmente per "fare una passeggiata". Attualmente "studia", è in Portogallo da settembre dell'anno scorso. Sottolinea che dove "c'è molta più popolazione" e con la reclusione non può "uscire di casa". Ma poiché sceglie di vivere nel suo "furgone" - un veicolo adattato per l'alloggio - può "saltare fuori dal furgone" ed essere "in mezzo agli alberi", cosa che non è possibile in città. "Mi sento più sicura e non incontro così tanta gente, mi dà la sensazione che possono gestire la situazione. Non hanno tanta paura", dice.

La possibilità di isolarsi nel camper è anche uno dei vantaggi sottolineati da Ian Davis, un turista gallese che ha scelto Salema per i mesi invernali più freddi, dopo un soggiorno di due mesi nella zona di Coimbra in ottobre. Mentre osserva sua moglie in una sessione di 'yoga', e superando l'ovvio valore aggiunto del clima portoghese rispetto al Galles, sottolinea anche il fatto che la coppia ha tutto il necessario nel 'van' - cucina e bagno - lasciando 'solo per la spesa'. La zona in cui si sono stabiliti garantisce la "distanza" tra le persone, rafforzando la loro "nozione di sicurezza": "Possiamo uscire, camminare e andare in spiaggia senza vedere troppa gente, quindi ci sentiamo molto sicuri e accolti qui. Non siamo intrusi o una minaccia per qualcuno", ha detto. Con una data di ritorno in Galles solo "a luglio", Ian rivela che durante il primo blocco, nel marzo dello scorso anno, erano in un campeggio in Nuova Zelanda e considera la nozione di sicurezza che sente in questa "zona rurale del Portogallo" "molto simile" a quella trovata dall'altra parte del mondo.

A quasi 60 chilometri di distanza, il campeggio de Armação de Pera, nel comune di Silves, riflette la riduzione della domanda di campeggi solitamente ricercati dai camperisti anziani. Rui Claro sottolinea che il 2019 "è stato un anno di crescita rispetto al 2018" e che "fino a febbraio, inizio marzo" dello scorso anno, tutto stava andando "come previsto". Ma con la pandemia di Covid-19 era "tutto in declino". Un giro nel parco rivela circa 50 camper per i turisti che hanno scelto di trascorrere qui la loro stagione invernale, una clientela composta essenzialmente da pensionati olandesi, inglesi e francesi.

Durante una passeggiata con il loro animale domestico, una coppia inglese indica ancora una volta il clima e la sicurezza come ragioni per scegliere l'Algarve per la loro stagione invernale: "Nel Regno Unito c'è più gente e la gente non ascolta il governo, fanno un sacco di feste stupide. Qui ascoltano, indossano maschere e puliscono tutto", difende Richard Everton. Per Maureen Everton, l'ospitalità è uno dei punti di forza del popolo portoghese e la coppia ha detto che stanno vendendo una casa che possiedono in Francia con la prospettiva di comprarne un'altra in Algarve, dove sperano di trasferirsi più spesso. Questa è un'opinione condivisa dalla collega escursionista Peggy Wakeford, una residente abituale del parco, dove sostiene di essersi sentita "molto più sicura" al momento del confino del marzo 2020 "che nel Regno Unito". Peggy si dice addirittura "scioccata" da ciò che ha trovato nel Regno Unito quando è tornata a luglio, soprattutto perché "poche persone si preoccupano di Covid-19, rispetto al comportamento" che ha visto in Portogallo, a livello di "indossare maschere e guanti", per esempio.

Per gli imprenditori del campeggio, le previsioni per l'estate non sono facili, ma Rui Claro rivela la speranza che il vaccino possa "portare più fiducia", riducendo "i numeri spaventosi" di nuovi casi e facendo "sentire la gente più tranquilla per uscire di casa e andare in vacanza". Joaquim Lourenço preferisce guardare alle nuove opportunità e sfide per le imprese e alla necessità di "un lavoro ben fatto" nella promozione di quello che lui dice essere il valore aggiunto del paese. L'imprenditore sottolinea che la costa portoghese riunisce molti luoghi per il surf, il "motore dell'economia del nuovo cliente giovane".



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.