Altri cinque anni per Marcelo

scritto Paula Martins, in Notizia · 29-01-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Le elezioni presidenziali in Portogallo della scorsa settimana hanno visto Marcelo Rebelo de Sousa vincere in tutte le contee, Ana Gomes diventare la donna più votata nella storia portoghese delle elezioni presidenziali e l'estrema destra raggiungere un risultato mai visto prima in Portogallo.

Marcelo Rebelo de Sousa è stato rieletto presidente della Repubblica domenica scorsa con un voto rinforzato, che rappresenta la terza percentuale più alta nelle elezioni presidenziali nella democrazia portoghese, il 60,70% dei voti, la seconda più alta in una rielezione.

Il 72enne professore in pensione, che si è candidato a capo dello stato, formalmente appoggiato dai partiti PSD e CDS-PP, è stato rieletto con circa 2,5 milioni di voti, in un'elezione con un'astensione del 54,55 per cento, la più alta di sempre nei suffragi per la scelta del capo dello stato. I comuni con la più alta astensione nelle elezioni presidenziali di domenica sono stati tutti trovati con valori molto alti di Covid-19, notando che le persone il cui confino profilattico è stato decretato dopo che hanno potuto registrarsi al voto anticipato, non hanno potuto andare a votare il 24 gennaio.

"Sono ben consapevole che la fiducia ora rinnovata non è un assegno in bianco", ha detto Marcelo Rebelo de Sousa, promettendo"di continuare ad essere un presidente di ogni portoghese, un presidente vicino, un presidente che stabilizzerà, un presidente che unisce, che non è un presidente di fazione, un presidente che rispetta il pluralismo e la differenza, un presidente che non rinuncia alla giustizia sociale".

Questo discorso è stato fatto in una notte elettorale in cui il candidato dell'estrema destra, Andre Ventura, sostenuto dal partito Chega, ha raggiunto il terzo posto in queste elezioni, con mezzo milione di portoghesi che hanno votato per lui, rappresentando un risultato superiore all'11%. Questo è un risultato che non si era mai visto prima nella politica portoghese moderna.

Ana Gomes, la seconda candidata, non ha potuto raggiungere l'obiettivo di forzare un secondo turno delle elezioni presidenziali, ma ha raggiunto l'"obiettivo patriottico" di essere davanti ad André Ventura, ma con una differenza di meno di 50.000 voti.
Con il 12,97% e 541.345 voti, l'attivista del PS - che non aveva l'appoggio del suo stesso partito, ma solo dei partiti PAN e Livre - è stata la donna più votata di sempre nelle elezioni presidenziali.

Ana Gomes è riuscita ad essere al secondo posto in meno distretti di Ventura - sette dei 18 distretti nazionali (nel continente), ma lo ha fatto in quelli più popolosi, come Lisbona, Porto e Setúbal, e lungo tutta la costa, tranne Leiria.

Il candidato di estrema destra Andre Ventura è arrivatosecondo alle elezioni presidenziali in circa 200 contee, più del doppio di Ana Gomes. Tuttavia, è rimasto terzo a livello nazionale.

Sebbene la candidata si sia assunta la sua personale responsabilità per il "fallimento" del secondo turno - Marcelo Rebelo de Sousa è stato rieletto con più del 60% dei voti -, ha criticato il PS, per non aver dato un'indicazione di voto per nessun candidato e aver contribuito alla vittoria della "destra democratica".

André Ventura, leader del partito Chega, ha ottenuto il secondo posto in 204 contee, avendo ottenuto risultati migliori in tutto l'interno del paese, da nord a sud, nei comuni a bassa densità di popolazione.

Su 308 comuni, Ana Gomesè stata seconda in 90 comuni e terza in 192. Ana Gomesè stata quarta in 26 comuni, la stragrande maggioranza nell'Alentejo.

I migliori risultati registrati dalla socialista sono stati a Porto (20 per cento), Lisbona (18,5 per cento) Matosinhos (18 per cento), Gondomar, Vila Nova de Gaia, Maia, Oeiras e Coimbra, tutte con circa il 17 per cento - contee con livelli di popolazione più alti, che le hanno permesso di assicurarsi il secondo posto.

I candidati di sinistra hanno ottenuto il risultato più basso di sempre, non avendo abbastanza voti per vedere rimborsate le spese della campagna e lasciando che siano i partiti stessi a dover pagare le spese. È il caso di João Ferreira, candidato del PCP, che ha ottenuto il 4,32% dei voti e Marisa Matias, candidata del Bloco de Esquerda, che ha ottenuto il 3,95%.

Tiago Mayan Gonçalves, Iniciativa Liberal, ha avuto il 3,22%, per un candidato che rappresenta un partito recente in parlamento; è stato un risultato migliore di quello ottenuto nelle elezioni per il parlamento. Vitorino Silva, il candidato indipendente conosciuto come Tino de Rans, ha ottenuto il 2,94%.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.