Il Portogallo non è all'altezza delle donne nella gestione

scritto TPN/Lusa, in Business · 29-01-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Il Portogallo si è classificato al 13° posto su un totale di 16 paesi per quanto riguarda il numero di donne che occupano posizioni di top management nelle aziende quotate nello STOXX Europe 600.

Secondo il Gender Diversity Index 2020 (GDI), che analizza la rappresentazione di genere nei consigli di amministrazione e nelle posizioni dirigenziali delle più grandi aziende europee, solo tre (25%) aziende portoghesi quotate in borsa (CTT, Jerónimo Martins e F. Ramadas Investimentos) hanno una donna in una posizione di leadership. Con un punteggio di 0,44 nel Gender Diversity Index, che permette di confrontare paesi e aziende, questo punteggio è 0,12 punti sotto la media europea e 0,30 punti sotto la classifica dei primi 45 paesi.

Il Portogallo ha un punteggio inferiore alla media su quasi tutti gli indicatori dell'indice, con punteggi particolarmente bassi per la percentuale di donne con posizioni di gestione esecutiva (14%) e donne nei comitati (21%), più del 15% dietro il paese con il punteggio più alto. Lo studio menziona anche che nessuna delle aziende analizzate in Portogallo ha un direttore esecutivo donna e che il 6% delle aziende ha una donna nel consiglio di amministrazione.

Solo tre (25%) aziende portoghesi - CTT, Jerónimo Martins e F. Ramadas Investimentos - hanno un indice di diversità di genere superiore alla media e quattro (33%) delle aziende hanno un indice inferiore a 0,40. Due delle cinque aziende più grandi del Portogallo, Corticeira Amorim e Galp Energia, hanno un IDG che è inferiore alla media GDI a 0,04 e 0,05 punti, rispettivamente.

Anche CTT, la prima azienda in Portogallo, non ha donne nella direzione del consiglio di amministrazione, anche se rappresentano il 60% delle posizioni di gestione e del comitato di gestione.

Lo studio conclude che entro il 2020, il 28 per cento dei leader in ruoli esecutivi e non esecutivi nelle 668 aziende analizzate in Europa saranno donne e che le donne rappresentano solo il 34 per cento di tutti i membri del consiglio di amministrazione nelle aziende europee analizzate.

Lo studio, tuttavia, presenta grandi disparità quando si osserva ogni paese individualmente. Le aziende quotate in Norvegia, Francia, Regno Unito, Finlandia e Svezia sono più vicine ad avere una leadership equilibrata nella diversità di genere con donne che occupano posizioni di vertice, mentre la Polonia e la Repubblica Ceca sono lontane dall'essere equilibrate nelle loro scelte di leadership.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.