Il Portogallo sprofonda di tre posti nell'indice di percezione della corruzione del 2020

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Mondo · 29-01-2021 17:00:00 · 0 Commmenti

Il Portogallo è sceso di tre posti nel 2020 Corruption Perception Index, pubblicato il 28 gennaio da Transparency International, al 33° posto con 61 punti, il punteggio più basso di sempre.

Secondo il rapporto di Transparency International, il Portogallo è ora "ben al di sotto dei dati medi dell'Europa occidentale e dell'Unione europea, fissati a 66 punti" in un indice che continua ad essere guidato da Danimarca e Nuova Zelanda.

Dal 2012, il Portogallo ha registrato variazioni annuali minime e l'indagine di Transparency International mostra "che i paesi meno attrezzati per affrontare le crisi, come la pandemia di Covid-19, sono proprio quelli con i punteggi più bassi".

"Nell'anno della pandemia di Covid-19, i risultati del 2020 Corruption Perception Index rivelano l'impatto della corruzione sui sistemi sanitari e di protezione sociale, sui processi democratici e sul rispetto dei diritti umani", analizza la Transparency and Integrity Association (TI-PT), filiale portoghese dell'organizzazione internazionale.

Per la presidente di TI-PT, Susana Coroado, anche se il paese è salito nella classifica, "negli ultimi 10 anni poco o niente è stato fatto per combattere la corruzione in Portogallo, e i risultati sono espressione di questa deriva".

Secondo il presidente di Transparency International, Delia Ferreira Rubio, "Covid-19 non è solo una crisi economica e sanitaria. È una crisi di corruzione", che ha messo a dura prova i governi.

"Ed è una crisi che non riusciamo a gestire", ha detto.

La pandemia, osserva, "ha messo i governi alla prova come mai prima d'ora e i paesi con livelli di corruzione più alti sono stati meno capaci di affrontare questa sfida". Ma anche quelli in cima all'indice devono urgentemente affrontare il loro ruolo nel perpetuare la corruzione in patria e all'estero".

L'indice di percezione della corruzione della ONG Transparency International è uno strumento che misura la corruzione nel mondo analizzando i livelli di corruzione nel settore pubblico di 180 paesi, assegnando loro un punteggio da 0 (molto corrotto) a 100 (molto trasparente).

La Danimarca e la Nuova Zelanda rimangono in cima alla classifica del 2020 con 88 punti, seguite da Finlandia e Singapore con 85. Le posizioni più basse quest'anno sono la Siria con 14 punti e Somalia e Sud Sudan entrambi con 12 punti.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.