Cosa fa l'ansia al tuo corpo?

scritto PA/TPN, in Stile di vita, Salute · 29-01-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

L'ansia è un disturbo complesso ma comune, di cui la maggior parte delle persone soffre a un certo punto della propria vita. E siamo onesti, gli ultimi 10 mesi non hanno aiutato nessuno di noi.

Ma può essere utile conoscere questo intruso interno. Cosa succede nel corpo quando l'ansia colpisce? Come gestire le montagne russe? E come si possono alleggerire le cose nel tempo?
Quando l'ansia colpisce, cosa succede?

Il panico, quell'ondata familiare di paura... Queste sensazioni spaventose non fanno nulla per alleviare l'insorgere dell'ansia. Spesso, i sintomi fisici che accompagnano queste sensazioni iniziali di disagio possono trasformarsi in una valanga di panico totale. Quindi, cosa sta succedendo in realtà nel tuo corpo?

Beh, anche se non sembra, il tuo corpo sta attivando una risposta altamente sofisticata", dice l'esperta di fitness Laura Williams, che ha una qualifica aggiuntiva in consapevolezza della salute mentale. "I processi chimici che ti aiutano a rispondere a una paura reale o immaginaria sono vasti, e includono dopamina, serotonina e adrenalina".

"La respirazione diventa più veloce, la frequenza cardiaca aumenta e si possono avere palpitazioni e sudorazione, disturbi digestivi, mal di testa e/o perdita di appetito. Questo può portare ad affaticamento, sonno disturbato e dolori muscolari".

Inoltre, dice, l'ansia è collegata a condizioni a lungo termine come l'insonnia, problemi digestivi e dolore cronico, depressione o abuso di sostanze.

L'ansia può anche essere un sintomo di una condizione non correlata, come il diabete, la tiroide e le malattie cardiache.

Quando si tratta di soluzioni, Williams suggerisce un approccio su due fronti.

Soluzioni a breve termine
Immaginate la scena: avete paura di una situazione imminente. L'ansia prende piede e quello che era iniziato come un sussurro di disagio ora prende la forma di una paura viscerale che minaccia di radicarvi sul posto finché non passa. Cosa si dovrebbe fare?

"Metti in pausa", consiglia Williams, "Sii spietato con quella mente che corre, inspira per un conteggio di quattro ed espira per un conteggio di quattro, concentrandoti su nient'altro. Se puoi, fallo per un minuto intero.

Ora che hai guadagnato un po' di tempo, poniti la domanda: "Sono veramente in pericolo, o c'è una piccola possibilità che questo sia un po' come un allarme difettoso dell'auto che scatta?

"Se puoi, cammina per qualche passo. Concentratevi solo sulla sensazione dei vostri piedi sul terreno sotto di voi. E poi prova a passare al tuo prossimo compito. Che si tratti di partecipare a una riunione di lavoro, fare una passeggiata o fare un salto al negozio, prova a fare quel passo coraggioso nella parte successiva della tua giornata".

Strategie a lungo termine
"Considera di diventare il capo della tua ansia", nota Williams. "Il tuo racconto potrebbe suonare così: "Sì, lo so che soffro con te, Ansia, ma d'ora in poi, sarai conosciuta come la parola A.

Sei un sintomo e ti tratterò come tale. Sono io che faccio i piani e decido se cancellarli, riorganizzarli o seguirli. Puoi pompare tutte le sostanze chimiche che vuoi, ma sappi questo: la vita continuerà".

La Williams approva anche l'abitudine di fare un regolare esercizio fisico: "Non è necessario fare amicizia con il burpee o iscriversi al movimento dello spinning: qualcosa di fattibile come una camminata veloce o una corsa leggera può promuovere un'attività chimica cerebrale sufficiente per migliorare il tuo umore e distrarti con successo", dice. "Ritagliati un minimo di 15 minuti al giorno per un'attività che aumenti la tua frequenza cardiaca".

Vale anche la pena di provare la mindfulness, qualcosa che quasi tutti conosciamo, ma che pochi fanno in modo corretto: "Nei suoi termini più semplici, la mindfulness è la pratica di rimanere nel momento presente. Concentrandosi sulle sensazioni corporee, i sentimenti e i pensieri (processi di pensiero, piuttosto che il contenuto del pensiero), la testa che corre e l'intestino che si agita possono placarsi", dice Williams. "Sviluppare un atteggiamento e una risposta istintiva di mindfulness richiede pratica, ma gli effetti saranno evidenti fin dall'inizio".

È anche molto importante costruire una rete. Non solo di amici, ma di tutti i tipi di alleati. "Un gruppo di supporto per l'ansia può servirvi bene quando si tratta di dare voce alla vostra esperienza di ansia", consiglia Williams. "Il potere di identificazione è vasto e verranno offerte soluzioni. Oppure potresti unirti a un gruppo locale di volontariato. Salvare il mondo potrebbe non essere nella vostra agenda, ma i gruppi di volontariato tendono ad attrarre individui caldi, accoglienti e competenti che forniscono l'antidoto perfetto, in un ambiente nuovo, a tutte quelle ruminazioni e proiezioni".



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.