Siamo tutti (o quasi) d'accordo sul fatto che i più vulnerabili dovrebbero avere la precedenza: i residenti delle case di cura, gli operatori sanitari, gli ultrasettantenni e le persone con gravi malattie di base. Tra gli adulti sotto i 50 anni che prendono il Covid-19, solo 200 su un milione muoiono; tra quelli sopra i 70 anni, 54.000. Quindi tutti gli altri possono permettersi di aspettare un altro mese o giù di lì, e lasciare che i vulnerabili vadano per primi.

Ma chi è 'noi'? Quasi sempre si intende la gente del nostro paese, non il mondo intero. Nemmeno il paese della porta accanto, nella maggior parte dei casi: ora c'è un litigio poco edificante tra il Regno Unito e l'Unione Europea sulla fornitura di vaccini, sebbene siano tra i paesi più ricchi del mondo.

Le 27 nazioni dell'UE hanno 960 milioni di dosi di cinque diversi vaccini in ordine, con opzioni per diverse centinaia di milioni in più. Il Regno Unito ha 250 milioni di dosi in ordine dalle stesse cinque aziende (Moderna, Pfizer/BioNTech, Oxford/Astra/Zeneca, Novavax e Johnson & Johnson).

Questo è abbastanza per tutti nell'UE con un sacco di roba in più, e più del doppio di quanto il Regno Unito potrebbe usare. E ancora litigano su chi se lo prende per primo.

Il Regno Unito ha firmato un contratto chiave con Astra/Zeneca a giugno, mentre l'UE ha sprecato altri tre mesi di politica interna prima di firmare con la stessa azienda - che ora sta affrontando difficoltà di produzione nelle sue principali fabbriche in Europa.

Londra dice che ha firmato per prima, quindi dovrebbe ottenere le sue dosi per prima. Bruxelles, in preda al panico per la crescente rabbia pubblica per la lentezza del lancio - l'UE ha dato solo due dosi ogni 100 residenti, mentre il Regno Unito ne ha consegnate dodici ogni 100 - chiede una quota di ciò che la stessa azienda sta producendo in Gran Bretagna. Ci saranno lacrime prima di andare a letto.

Se questo è il modo in cui i vicini ricchi si comportano l'un l'altro, c'è qualche speranza che sostengano la vaccinazione nei paesi poveri lontani? A quanto pare, sì.

Il 'nazionalismo vaccinale' non è una cosa tutto o niente. Se tutta la strada è in fiamme, salverò prima i miei figli, ma tornerò a salvare anche i figli dei vicini, e persino i loro gatti se c'è tempo. Non sono bambini a rischio in questo caso, ma il principio è lo stesso.

Nessuno può criticare la Gran Bretagna, per esempio, per aver messo al primo posto le sue persone più vulnerabili - ma è in programma di farle tutte entro la metà di questo mese.

Non appena ciò sarà realizzato, dovrebbe condividere alcune delle sue forniture da Astra/Zeneca per salvare le vite degli anziani francesi, danesi e greci, piuttosto che dedicarle tutte alla sua relativamente sicura gente di mezza età. E quando altre forniture saranno online, dovrebbe anche condividere più ampiamente.

Entro pochi mesi, quando altri vaccini saranno approvati e la produzione aumenterà, ogni giorno saranno prodotte più dosi di quelle che possono essere iniettate nei cittadini dei paesi ricchi nello stesso giorno. Questo accadrà perché quei paesi hanno pre-acquistato grandi quantità di molti vaccini diversi per essere sicuri di avere dei vincitori.

I vaccini hanno funzionato quasi tutti, quindi ci troviamo nella felice situazione di un incombente eccesso di offerta - e non c'è bisogno di aspettare che i paesi ricchi abbiano vaccinato tutti a casa loro. Una volta che le loro persone vulnerabili sono al sicuro, possono risparmiarne un po' per le persone vulnerabili altrove.

Il Canada, per esempio, ha comprato 214 milioni di dosi di vaccino, con opzioni su altri 200 milioni. Ci sono 38 milioni di canadesi, quindi diciamo 30 milioni di destinatari - molti dei quali riceveranno vaccini one-shot. Il Canada avrà almeno 150 milioni di dosi rimanenti - o 350 milioni, se esercita le sue opzioni.

"Assolutamente condivideremo con il mondo", ha detto il primo ministro Justin Trudeau, e il Regno Unito, che si ritroverà con circa 200 milioni di dosi di riserva, dovrebbe dire la stessa cosa.

Gli Stati Uniti hanno ordini con sei aziende per 800 milioni di dosi, con opzioni su altri 1,6 miliardi. Ci sono più di 800 milioni di dosi di riserva comprate e pagate in tutto il mondo. Iniziate a condividerle ora, non dopo che tutti sono stati inoculati a casa.

Questa non è carità; è interesse personale. Finché il virus circola ampiamente nei paesi più poveri, costituisce un enorme serbatoio in cui si verificheranno frequentemente nuove mutazioni - e alcune di queste mutazioni potrebbero rendere inefficaci i vaccini esistenti. I vaccini possono essere modificati per affrontare le nuove varianti, ma non vogliamo giocare a rimpiattino per i prossimi cinque anni.