Problemi di apprendimento a distanza evidenziati dal sindacato

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 03-02-2021 09:00:00 · 0 Commmenti

La Federazione Nazionale degli Insegnanti (Fenprof) ha avvertito che l'apprendimento a distanza sarà ripreso a causa della pandemia di covid-19 senza che il governo abbia risolto i problemi che si sono verificati lo scorso anno scolastico.

In una lettera aperta indirizzata al primo ministro, António Costa, il sindacato scrive che l'esecutivo non ha preparato un possibile ritorno al regime di formazione a distanza, "nonostante il tempo che è passato e gli impegni che ha assunto".

Tra gli esempi di questi impegni che sono stati "sempre rimandati", Fenprof si riferisce alla distribuzione di computer e alla creazione di condizioni di accesso a Internet a banda larga, per studenti e insegnanti. "Ovviamente, ha costituito un altro grave condizionamento del diritto degli studenti alle pari opportunità di accesso all'istruzione e un sovvertimento dei diritti degli insegnanti agli" strumenti "per la loro pratica professionale", sottolineano. In contrasto con questa mancanza di preparazione per la tutela, continuano, le scuole preparato anche prima dell'inizio del 1 ° trimestre, nel mese di settembre, piani di emergenza in cui hanno previsto diversi scenari di regime operativo, tra cui la distanza.

Tuttavia, le scuole hanno progettato questi piani presupponendo che il Ministero dell'istruzione avrebbe garantito alcune condizioni che permetterebbero di superare alcuni dei problemi che si sono verificati quando l'apprendimento a distanza generalizzato è stato introdotto nel marzo per contenere la pandemia di covid-19 e, secondo Fenprof , questo non è accaduto. "In questo contesto di svalutazione della scuola pubblica, con responsabilità non mascherate dal Ministero dell'Educazione e dal Governo, diventa importante capire le capacità delle scuole di utilizzare gli strumenti digitali, la formazione a distanza, la trasmissione delle lezioni dal vivo, la registrazione delle lezioni e la successiva disponibilità", si interroga la struttura sindacale.

Oltre ai problemi inerenti al processo di insegnamento-apprendimento, Fenprof si riferisce anche alle questioni relative alle condizioni di lavoro degli insegnanti in questo regime, come la disponibilità di attrezzature, l'intensificazione e la deregolamentazione dell'orario di lavoro e l'aggravamento del superlavoro. A questo livello, si chiede il rispetto dell'orario di lavoro, non aumentando il numero di riunioni "moltiplicando la burocrazia installata dall'apparato amministrativo educativo" e mantenendo le ore della componente non docente.

D'altra parte, i rappresentanti degli insegnanti fanno anche riferimento ai rischi dell'insegnamento nel mondo digitale, come il "bullismo" e le molestie morali, l'aumento dello stress professionale e la mancanza di competenze per lavorare in questo regime, sia per gli insegnanti che per gli studenti stessi. "Il diritto di lavorare con diritti è fondamentale e, se è vero che tutti abbiamo il dovere di collaborare per risolvere il problema di salute che stiamo vivendo, non è comprensibile né tollerabile che, per affrontarlo, si creino altri problemi che non mancherebbero di avere, anche, conseguenze molto gravi", conclude Fenprof, chiedendo al primo ministro che la risoluzione di questi problemi sia una priorità.

Martedì , Fenprof incontrerà il Ministero dell'Educazione al quale rivolgerà direttamente queste preoccupazioni. In un comunicato, la struttura sindacale ha detto che metterà sul tavolo questioni concrete come il sostegno agli insegnanti con figli minori di 12 anni che stanno telelavorando, la garanzia delle condizioni per esercitare le attività di telelavoro, la vaccinazione degli insegnanti che rimangono in sede e la maggior parte dei professionisti fino alla fine del 2° periodo. Alla riunione, Fenprof presenteràanche la sua posizione su tre progetti di diplomi ricevuti dalla tutela, riferiti alla professionalizzazione degli insegnanti, alla formazione continua nell'ambito della Scuola Digitale e alle misure eccezionali nel contesto della pandemia del covid-19.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.