Spaccatura repubblicana?

scritto TPN/Lusa, in Parere, USA/Canada · 08-02-2021 17:00:00 · 0 Commmenti

Se il Partito Repubblicano si divide, che nome dovrebbe usare la parte separatista? Il White People's Insurrectionary Libertarian True-Blood Republican Party (WPILTBRP), o semplicemente il Trump Party?

O forse il dirottatore in capo riesce a mantenere il nome del partito che ha rubato, nel qual caso la parte posteriore deve inventarsi qualcosa di completamente diverso. Il partito conservatore, forse?

Questa domanda non è ancora diventata una questione scottante, perché è tutt'altro che chiaro che il partito repubblicano si dividerà davvero. Dopo tutto, almeno 45 senatori repubblicani su cinquanta voteranno contro l'impeachment di Donald Trump nel processo che si è aperto oggi (martedì) al Senato. Non sembra che si stiano preparando a buttarlo fuori dal partito.

Ecco Rand Paul, il senatore repubblicano del Kentucky che ha preso l'iniziativa di chiedere che l'accusa contro Trump di "incitamento all'insurrezione contro la repubblica" sia messa da parte: "L'impeachment è per la rimozione dalla carica, e l'accusato qui ha già lasciato la carica", ha detto, ripetendo la scusa del partito per rifiutare di condannare Trump senza in realtà condonare il tentativo di golpe.

Ma il 6 gennaio, poche ore dopo che la folla aveva lasciato l'edificio del Campidoglio, Paul ha parlato con forza contro l'idea che qualcuno al Congresso dovrebbe cercare di invertire il risultato elettorale certificato dagli stati, proprio la cosa che Trump aveva mandato la folla per costringere il Congresso a fare. L'uomo è chiaramente in conflitto, e così il suo partito.

Ma qui c'è una storia più profonda. Confrontate quello che il partito repubblicano ha fatto alla Camera dei Rappresentanti il 3 febbraio in un voto segreto, e poi quello che ha fatto il 4 gennaio in un voto pubblico aperto.

Mercoledì scorso i membri repubblicani della Camera, votando in caucus chiuso, hanno confermato la rappresentante Liz Cheney come terza repubblicana più anziana della camera bassa anche se aveva "tradito" Donald Trump votando per il suo impeachment. Il voto non è stato nemmeno vicino: 145 a favore di mantenerla in carica, solo 61 contro.

Il giorno seguente, in una votazione aperta sul fatto che la rappresentante Marjorie Taylor Greene, una fanatica lealista di Trump, dovesse mantenere il suo posto in diverse commissioni del Congresso nonostante le sue brutte e certifi cabili opinioni, gli stessi membri repubblicani della Camera hanno votato per tenerla al suo posto con 199 a 11.

Greene crede che gli incendi in California siano stati appiccati da raggi laser ebrei dallo spazio. Pensa che l'11 settembre sia stato un lavoro dall'interno. Crede che alcuni massacri nelle scuole statunitensi siano state operazioni "false flag", presumibilmente inscenate dai democratici. Condivide le teorie di cospirazione di Q-Anon. Deve essere imbarazzante anche solo sedersi vicino a lei.

Ha perso comunque il suo posto in commissione, perché tutti i democratici hanno votato per cacciarla. Ma in un voto segreto, la maggior parte di quei membri repubblicani del Congresso l'avrebbero anche ripudiata, probabilmente con la stessa maggioranza di due a uno che hanno dato a sostegno di Liz Cheney.

I membri repubblicani del Congresso possono essere deboli e codardi, ma la maggior parte non sono malvagi. In una votazione aperta hanno sentito di dover appoggiare Greene, perché altrimenti i lealisti di Trump tornati nei loro distretti avrebbero assicurato che non sarebbero mai più stati eletti. Ma amerebbero scaricarlo se potessero farlo in modo sicuro.

Non sarà così facile, perché Trump è veramente terrificante se si è a portata della sua ira, come lo sono tutti questi uomini e donne tranne alcuni. Ma questi due voti selvaggiamente contraddittori ci dicono che il partito repubblicano probabilmente si dividerà. Quello che resta da stabilire è quale successore sopravviverà a lungo termine.

Quando i partiti politici si dividono, di solito non finisce bene per la fazione che sembra essersene andata. Quelli che rimangono nel "vecchio" partito mantengono i conti in banca e le liste dei donatori, e tendono anche a sembrare più maturi, il che può essere un grande vantaggio politico in un periodo turbolento.

Quindi la prima priorità per l'ala sana dei repubblicani deve essere quella di provocare una scissione il più presto possibile - e fare in modo che sembri che la colpa sia dei trumpisti. Non dovrebbe essere difficile da organizzare con Donald Trump al timone. È un rischio, ma i veri conservatori non hanno comunque un futuro in un partito che è sotto il controllo di Donald Trump.

Questo non dividerebbe il voto a destra? Sì, ma è troppo tardi per preoccuparsene. Forse i democratici vinceranno di nuovo nelle elezioni di medio termine del 2022, ma se la scissione avviene presto la guerra civile potrebbe essere finita e il partito repubblicano ricostruito su una base migliore entro il 2024. C'è una buona possibilità che per allora Trump sarà in piena fase di gazzarra, ma ancora aggrappato, il che aiuterebbe certamente il processo.

E come dovremmo chiamare il nuovo partito di Trump? Suggerirei il Monster Raving Loony Party, ma il nome è già preso.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.